[X]
  [X]

12 giornalisti africani a Roma

Migranti, l’importanza dei giornalisti

<
>
La visita a Propaganda Live, negli studi di La7.
La visita a Propaganda Live, negli studi di La7.
Joshua Odeyemi.
Multimedia journalist del Daily Trust Newspaper, uno dei più importanti 
giornali nigeriani
Joshua Odeyemi. Multimedia journalist del Daily Trust Newspaper, uno dei più importanti giornali nigeriani
Piera Mastantuono.
Coordinamento Ass. Carta di Roma.
Piera Mastantuono. Coordinamento Ass. Carta di Roma.
Tersoo Zamber.
Giornalista di Radio Nigeria, l?equivalente nigeriano della nostra Radio Rai
Tersoo Zamber. Giornalista di Radio Nigeria, l?equivalente nigeriano della nostra Radio Rai

Discutere del tema globale delle migrazioni e del ruolo cruciale che i media hanno nel raccontarlo. Questo il senso e lo scopo della visita a Roma di una delegazione formata da 12 giornalisti africani, provenienti da Costa d’Avorio, Senegal, Nigeria e Tunisia, che dal 10 al 14 febbraio sono stati ospitati nelle redazioni di importanti testate giornalistiche nazionali nell’ambito del progetto Aware Migrants, campagna di sensibilizzazione promossa dall’Oim - Organizzazione Internazionale per le Migrazioni - in collaborazione con il  Ministero dell’Interno e l’associazione ‘Carta di Roma’, nata per attuare un protocollo deontologico professionale, appunto quello della Carta di Roma, sul tema media e migrazioni.

“USCIRE DA LUOGHI COMUNI E STEREOTIPI”

«Il progetto Aware Migrants - spiega a il Caffè di Roma Piera Mastantuono, giornalista e membro del coordinamento dell’associazione Carta di Roma - è stato promosso inizialmente dall’Oim, organismo internazionale collegato alle Nazioni Unite che si occupa di migrazioni, che lo ha avviato nel 2016. Noi, come Carta di Roma, siamo subentrati nel 2018. Ci siamo occupati in particolare della formazione professionale dei giornalisti. Abbiamo svolto varie iniziative formative in tutto il territorio italiano, portando testimoni diretti della diaspora e giornalisti africani, in modo che potessero essere loro stessi a testimoniare in prima persona ai colleghi italiani la realtà dei paesi d’origine e delle migrazioni.  Volevamo mettere i giornalisti italiani in contatto con persone reali, che potessero divenire fonti dirette della realtà complessa del fenomeno migratorio. Dopo questa prima fase, ci siamo recati direttamente nei paesi africani. Siamo andati in Nigeria, Senegal, Costa D’Avorio e in Tunisia,  per incontri formativi con i giornalisti di quei paesi. Paesi come il Senegal, o la Tunisia, dai quali arrivano in Italia molti migranti, sono raccontati pochissimo dai media italiani, e questo non aiuta a dare del fenomeno delle migrazioni una narrazione approfondita. L’esperienza di questa settimana ci ha insegnato una cosa importante: abbiamo visto che quando le persone, i romani con cui ci siamo trovati a interagire durante le giornate del workshop, dai giornalisti italiani al tassista o l’autista del bus, incontrano altre persone, come questi giornalisti africani, il contatto diretto crea sempre autentico scambio, e può incrinare quella barriera comunicativa che è il maggior ostacolo a scoprire le reciproche realtà, qualità e diversità. Per questo lavoriamo affinché la comunicazione sia approfondita e personificata, per uscire dall’anonimato dei luoghi comuni e degli stereotipi, e creare una narrazione che favorisca incontri tra persone reali».

IL RUOLO CRUCIALE DEI MEDIA

«Durante il workshop – racconta a il Caffè di Roma Tersoo Zamber, giornalista di Radio Nigeria, una delle maggiori emittenti radiofoniche del suo paese - abbiamo avuto la possibilità di scambiare idee, visioni e progetti con i giornalisti italiani qui in Roma. Siamo stati accolti nelle redazioni e abbiamo riflettuto insieme ai colleghi italiani sul tema globale delle migrazioni, e sul ruolo che i media hanno nel raccontarlo. L’umanità sta perdendo esseri umani. I giovani africani muoiono nel Mediterraneo, nel deserto, nei campi di prigionia in Libia, ed è nostro dovere come giornalisti fare la nostra parte, insieme, affinché questo non avvenga più. C’è bisogno di un racconto approfondito, rigoroso, basato su fatti che siano costantemente verificati, ed è necessaria una maggior cooperazione tra i giornalisti dei vari paesi, africani ed europei, in modo da fornire un racconto del fenomeno migratorio che non distorca la realtà, e, così facendo, contribuisca a migliorarla».

“SERVONO POLITICHE MIGRATORIE ADEGUATE”

Battere luoghi comuni e stereotipi: su questo punto insiste anche Joshua Odeyemi, multimedia journalist di uno dei giornali più importanti della Nigeria, il Daily Trust Newspaper. I suoi sono pezzi che arrivano dai territori del Nord Est della Nigeria, falcidiati da Boko Haram (un'organizzazione terroristica jihadista diffusa nel nord della Nigeria). Sono molte, da quell’area, le migrazioni sia verso altri paesi africani che verso l’Italia e altri paesi europei. «Incoraggio davvero - dice Odeyemi - sia i giornalisti che i cittadini italiani ad approfondire di più la complessa realtà dei paesi africani. Spesso ci si sofferma sul racconto dei viaggi in mare dei migranti, e tante volte si resta incastrati nella narrazione di stereotipi che non aiutano i cittadini ad entrare nella complessità di queste vicende. Siete italiani, avete una cultura millenaria ricchissima, meravigliosa, siete da sempre maestri nel coinvolgervi più in profondità nelle storie di chi è straniero. Incoraggio davvero i giornalisti ad appassionarsi, approfondire, capire e raccontare l’Africa, gli africani, per far scoprire agli italiani chi sono questi ragazzi che arrivano nel loro paese, da dove vengono, quali sono le reali ragioni che li hanno costretti ad emigrare, qual è la cultura dalla quale provengono, quali sono le loro radici, i loro talenti e doni, e quale contributo possono dare all’Italia. Penso che si debba passare dal racconto in negativo dei migranti come stranieri pericolosi, talvolta eccessivamente criminalizzati, alla narrazione in positivo di persone provenienti da realtà complesse e diverse, che però possono diventare nuove risorse per il paese in cui arrivano. Col fenomeno delle migrazioni abbiamo tutti un problema, ce lo ha l’Italia, ce lo ha la Nigeria, ce lo ha il mondo. Il mio paese, per esempio, che ha una popolazione di 200 milioni di persone di cui il 60% sono giovani, sta vedendo morire nei deserti e nel Mediterraneo tanti ragazzi di queste nuove generazioni. Giovani in gamba, capaci, qualificati, che semplicemente, il più delle volte, cercano un’opportunità che nel loro paese non trovano, ma, usando mezzi irregolari di immigrazione, rischiano e spesso perdono la vita. È urgente che paesi come quelli dell’Unione Europea, tra cui l’Italia, creino politiche su larga scala e accordi legali con paesi come la Nigeria, per strutturare percorsi comuni che trasformino il fenomeno migratorio sempre più in un’opportunità che giovi a entrambe le parti.  Più saranno solide queste politiche legali, e più sono convinto che il fenomeno delle migrazioni irregolari, che causa tanto male sia agli africani che agli italiani, sarà notevolmente ridotto e contenuto». 

Giacomo Meingati

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14:38 1585571880 I risparmi dei buoni pasto non utilizzati a favore di iniziative di solidarietà
14:27 1585571220 Villa Paolina, ex convento, potrebbe diventare un condominio
14:20 1585570800 Il Coronavirus non ferma i cantieri del Centro di Roma
13:10 1585566600 Abbonamento treno non utilizzato per il coronavirus: c'è il diritto al rimborso
13:04 1585566240 Ecco il nuovo modulo per chiedere la sospensione dei mutui prima casa
12:46 1585565160 Coronavirus: calano nuovi casi a Roma e provincia. Picco superato
12:46 1585565160 Campidoglio, inizia la distribuzione di 20 mila mascherine
12:21 1585563660 Dal 1 aprile si può fare domanda per il bonus di 600 € (anche i professionisti)
12:15 1585563300 Stadio della Roma, Campidoglio in pressing sul Gruppo Parnasi
11:57 1585562220 Anziana sola in casa, non mangiava da giorni: chiede aiuto ai Carabinieri
11:38 1585561080 Ass. alle Infrastrutture: “Approfittiamo del covid per risistemare le strade”
11:20 1585560000 Denunciati gestori di due minimarket che vendevano mascherine non conformi
11:13 1585559580 Coronavirus, al via misure per prendersi cura anche dei senza fissa dimora
10:35 1585557300 Cosa manca di più ai romani e cosa stanno apprezzando? Vita in quarantena a Roma
10:05 1585555500 Dal Governo Conte a Roma oltre 15 milioni per buoni spesa e pacchi alimentari
10:02 1585555320 Appello degli asili privati del Lazio: rischiamo di chiudere definitivamente
10:02 1585555320 Due medici e due infermieri del Carcere di Rebibbia positivi al coronavirus
09:57 1585555020 Medici verso gli ospedali del nord in difficoltà: numeri record nel Lazio
09:49 1585554540 La Regione lancia 'Ticket Veloce', 8 milioni di € per la spesa dei romani poveri
09:45 1585554300 Coronavirus, anche in casa Raggi si fa la pizza: “Daje Roma”
09:38 1585553880 Coronavirus, il Papa celebrerà i riti di Pasqua senza ‘pubblico’
09:28 1585553280 Ibuprofene peggiora il Covid 19? Fake news smontata dall'Agenzia del farmaco
09:20 1585552800 Ville e Parchi di Roma, il Servizio Giardini a lavoro per la manutenzione
08:43 1585550580 Coronavirus, nel Lazio 7584 aziende hanno chiesto la cassa integrazione
29/03 1585498620 Coronavirus: 20 milioni di euro per fare la spesa alle famiglie in difficoltà

Sport


Inchieste
[+] Mostra altri articoli