[X]
  [X]

Guardia di Finanza di Roma in azione

Pax mafiosa per scongiurare guerra tra clan. Arrestati avvocato e un Casamonica

I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della capitale, nei confronti di Salvatore Casamonica (esponente apicale dell’omonimo clan, attualmente sottoposto al regime detentivo speciale di cui all’articolo 41-bis, destinatario della misura della custodia cautelare in carcere) e di un avvocato del Foro di Roma (agli arresti domiciliari), entrambi indagati per il reato di concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso.

I due, in concorso tra loro e con Fabrizio Piscitelli alias “Diabolik” – il noto capo ultrà ucciso il 7 agosto 2019 al Parco degli Acquedotti – hanno contribuito concretamente al perfezionamento di un accordo finalizzato a stabilire la pace fra il clan mafioso Spada e un altro gruppo criminale operante a Ostia capeggiato da Marco Esposito detto “Bar”, contribuendo, in tal modo, a conservare la capacità operativa degli stessi Spada.

Monitorando sul territorio l’evolversi di diverse trattative criminali, i Finanzieri e i loro undercover hanno intercettato, in presa diretta, Salvatore Casamonica e “Diabolik” mentre concordavano la pax mafiosa tra il clan Spada e il sodalizio lidense facendo capo a Esposito.

Per siglare e mantenere l’accordo, i due “garanti” (“…io e te ci stiamo mettendo in mezzo per fare da garanti eh!...”) avevano però bisogno del supporto di un professionista quale trait d’union con libertà di movimento, credibile agli occhi degli altri criminali e con possibilità di accesso alle aule di Tribunale e agli istituti carcerari.

Il 13 dicembre 2017, il legale giungeva in un ristorante a Grottaferrata dove, di lì a poco, sarebbe iniziata la riunione illecita, suscitando lo stupore di uno dei presenti (“…Ho paura di tutti questi delinquenti che stanno a questo tavolino… l’avvocato, mamma mia che coraggio che ha! Mamma mia… in mezzo a tutti questi scatenati…”).

Ma – come riporta il G.I.P. di Roma nell’ordinanza – “…la presenza dell’avvocato… non era affatto casuale”, tant’è che Casamonica e “Diabolik” iniziavano a parlare della necessità di avviare il processo di pacificazione fra le due fazioni egemoni nel territorio di Ostia solo quando il professionista giungeva al ristorante.

D’altronde, la pace da imporre sul litorale si inseriva in un momento storico particolarmente complesso per il clan Spada, dovuto allo stato di detenzione dei propri vertici Ottavio Spada detto “Marco” e Roberto Spada (per il fermo conseguente all’aggressione del giornalista della RAI Daniele Piervincenzi), alle limitazioni cui era soggetto il capo indiscusso della consorteria, Carmine Spada detto “Romoletto” (sottoposto all’obbligo di dimora e vittima di due tentati omicidi nel novembre del 2016) e al fatto che i capi e numerosi sodali del clan Fasciani, federati agli Spada, erano detenuti da anni.

In virtù del momento di difficoltà del clan Spada, l’organizzazione riconducibile al “Barboncino” aveva intenzione di “riprendersi” Ostia con atti di forza e di alto impatto sulla cittadinanza: in appena tre giorni venivano infatti perpetrati tre distinti atti intimidatori nei confronti di soggetti organici o contigui agli Spada:

il 23 novembre 2017 venivano gambizzati Alessandro Bruno e Alessio Ferreri (quest’ultimo fratello di Fabrizio, cognato del detenuto Ottavio Spada);

due giorni dopo, il 25 novembre 2017, venivano esplosi colpi di arma da fuoco contro la vetrina del bar “Music” a Piazza Gasparri a Ostia, nella disponibilità di Roberto Spada;

lo stesso 25 novembre altri colpi d’arma da fuoco venivano esplosi in via Forni verso la porta di casa di Silvano Spada (nipote del boss Carmine detto “Romoletto” e di Roberto Spada, nonché organico all’omonimo clan).

Come evidenzia il G.I.P., “una guerra non sarebbe convenuta a nessuna delle due organizzazioni.

I citati atti intimidatori avevano turbato Ottavio Spada detto Marco, tanto che Casamonica e Piscitelli, per scongiurare quella che il Giudice definisce “una vera e propria guerra di mafia”, decidevano di dettare all’avvocato una lettera che questi avrebbe dovuto consegnare, qualche giorno dopo, allo stesso Ottavio, ristretto in carcere. In effetti, da lì a poco, cessavano le ostilità sul litorale.

Nel mondo criminale romano questa vicenda aveva una tale eco da diventare tema di discussione per mesi: se ne trovano tracce anche tra le righe dell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione “Maverik”, che il legale leggeva con preoccupazione ad un suo conoscente. In quelle pagine spiccavano ai suoi occhi alcune frasi di Fabio Di Francesco che, parlando di “Barboncino”, raccontava come solo l’intervento pacificatore di Piscitelli avesse potuto mettere fine ad una faida destinata, altrimenti, a mietere molte vittime: “Romoletto (Carmine Spada) gliel’hanno apparato Diabolik e Fabietti. Perché (Marco Esposito) se stava a cacà in mano”.

La lettura delle intercettazioni metteva in agitazione il professionista, che affermava: “mo riarresteranno pure il mio povero Diabolik!” e, consapevole del proprio ruolo in quelle vicende, chiedeva “secondo te mi arrestano? Sicuramente mi indagano”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:43 1586540580 Il lockdown si allenta dal 3 maggio. Cartolibrerie e librerie riaprono prima
19:26 1586539560 I "Proiezionisti Anonimi" illuminano i palazzi di Colli Aniene
17:43 1586533380 Consegnava farmaci illegali per la cura del coronavirus: denunciato un cinese
17:08 1586531280 Roma e provincia: oggi 86 nuovi pazienti positivi al coronavirus
16:45 1586529900 A quali banche si può chiedere l'anticipo di cassa integrazione? Ecco l'elenco
16:37 1586529420 Al San Giovanni dell'Addolorata zaini per emergenza donati dai poliziotti
16:09 1586527740 Vendevano mascherine e gel igienizzanti rincarati del 500%: tre denunce
15:09 1586524140 Pasqua e Pasquetta, Raggi avverte: «Non fate i furbi, controlli anche di notte»
15:02 1586523720 Dal 17 aprile al via le assunzioni di 300 nuovi agenti di polizia locale
14:52 1586523120 Raggi: «Consegnato al Ministero progetto tram Termini-Giardinetti-Tor Vergata»
13:09 1586516940 Cittadino del Niger deve scontare 1 anno e 7 mesi, fermato dalla Polizia
12:30 1586514600 Materiali edili occultati in un pozzo fognario scoperto dalla Polizia
11:26 1586510760 La scuola online ai tempi del Coronavirus: "La scuola li salva dalla noia"
11:21 1586510460 Laurentina, scoperto cantiere abusivo in piena attività: denunce e sanzioni
10:54 1586508840 Colombe pasquali a medici, infermieri e operatori sanitari che salvano vite
10:48 1586508480 47enne romano arrestato dalla Polizia per maltrattamenti in famiglia
10:24 1586507040 Meno crimini con le città vuote, nel Lazio ‘solo’ 6.164 reati in 22 giorni
10:06 1586505960 Acea, ferie “forzate” per i dipendenti in smart working da casa, protesta di USB
09:28 1586503680 Covid-19, nel Lazio l'età media dei positivi è 58 anni. Più uomini che donne
09:11 1586502660 L'atteso "Piano Sanpietrini" parte da Piazza Venezia
08:34 1586500440 Campidoglio, la sala dei giuramenti sarà dedicata al dipendente morto di Covid
08:21 1586499660 Detenuta di Rebibbia positiva, negativi 75 tamponi alle compagne di cella
08:14 1586499240 Il governo va verso il lockdown fino al 3 maggio, la riapertura sarà progressiva
08:07 1586498820 Impresa produceva abusivamente mascherine: sequestrati 1500 dispositivi
09/04 1586447400 Conte: «Se scienziati confermano, entro fine aprile allenteremo alcune misure»

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli