[X]
  [X]

Guardia di Finanza di Roma in azione

Pax mafiosa per scongiurare guerra tra clan. Arrestati avvocato e un Casamonica

I finanzieri del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della capitale, nei confronti di Salvatore Casamonica (esponente apicale dell’omonimo clan, attualmente sottoposto al regime detentivo speciale di cui all’articolo 41-bis, destinatario della misura della custodia cautelare in carcere) e di un avvocato del Foro di Roma (agli arresti domiciliari), entrambi indagati per il reato di concorso esterno in associazione per delinquere di stampo mafioso.

I due, in concorso tra loro e con Fabrizio Piscitelli alias “Diabolik” – il noto capo ultrà ucciso il 7 agosto 2019 al Parco degli Acquedotti – hanno contribuito concretamente al perfezionamento di un accordo finalizzato a stabilire la pace fra il clan mafioso Spada e un altro gruppo criminale operante a Ostia capeggiato da Marco Esposito detto “Bar”, contribuendo, in tal modo, a conservare la capacità operativa degli stessi Spada.

Monitorando sul territorio l’evolversi di diverse trattative criminali, i Finanzieri e i loro undercover hanno intercettato, in presa diretta, Salvatore Casamonica e “Diabolik” mentre concordavano la pax mafiosa tra il clan Spada e il sodalizio lidense facendo capo a Esposito.

Per siglare e mantenere l’accordo, i due “garanti” (“…io e te ci stiamo mettendo in mezzo per fare da garanti eh!...”) avevano però bisogno del supporto di un professionista quale trait d’union con libertà di movimento, credibile agli occhi degli altri criminali e con possibilità di accesso alle aule di Tribunale e agli istituti carcerari.

Il 13 dicembre 2017, il legale giungeva in un ristorante a Grottaferrata dove, di lì a poco, sarebbe iniziata la riunione illecita, suscitando lo stupore di uno dei presenti (“…Ho paura di tutti questi delinquenti che stanno a questo tavolino… l’avvocato, mamma mia che coraggio che ha! Mamma mia… in mezzo a tutti questi scatenati…”).

Ma – come riporta il G.I.P. di Roma nell’ordinanza – “…la presenza dell’avvocato… non era affatto casuale”, tant’è che Casamonica e “Diabolik” iniziavano a parlare della necessità di avviare il processo di pacificazione fra le due fazioni egemoni nel territorio di Ostia solo quando il professionista giungeva al ristorante.

D’altronde, la pace da imporre sul litorale si inseriva in un momento storico particolarmente complesso per il clan Spada, dovuto allo stato di detenzione dei propri vertici Ottavio Spada detto “Marco” e Roberto Spada (per il fermo conseguente all’aggressione del giornalista della RAI Daniele Piervincenzi), alle limitazioni cui era soggetto il capo indiscusso della consorteria, Carmine Spada detto “Romoletto” (sottoposto all’obbligo di dimora e vittima di due tentati omicidi nel novembre del 2016) e al fatto che i capi e numerosi sodali del clan Fasciani, federati agli Spada, erano detenuti da anni.

In virtù del momento di difficoltà del clan Spada, l’organizzazione riconducibile al “Barboncino” aveva intenzione di “riprendersi” Ostia con atti di forza e di alto impatto sulla cittadinanza: in appena tre giorni venivano infatti perpetrati tre distinti atti intimidatori nei confronti di soggetti organici o contigui agli Spada:

il 23 novembre 2017 venivano gambizzati Alessandro Bruno e Alessio Ferreri (quest’ultimo fratello di Fabrizio, cognato del detenuto Ottavio Spada);

due giorni dopo, il 25 novembre 2017, venivano esplosi colpi di arma da fuoco contro la vetrina del bar “Music” a Piazza Gasparri a Ostia, nella disponibilità di Roberto Spada;

lo stesso 25 novembre altri colpi d’arma da fuoco venivano esplosi in via Forni verso la porta di casa di Silvano Spada (nipote del boss Carmine detto “Romoletto” e di Roberto Spada, nonché organico all’omonimo clan).

Come evidenzia il G.I.P., “una guerra non sarebbe convenuta a nessuna delle due organizzazioni.

I citati atti intimidatori avevano turbato Ottavio Spada detto Marco, tanto che Casamonica e Piscitelli, per scongiurare quella che il Giudice definisce “una vera e propria guerra di mafia”, decidevano di dettare all’avvocato una lettera che questi avrebbe dovuto consegnare, qualche giorno dopo, allo stesso Ottavio, ristretto in carcere. In effetti, da lì a poco, cessavano le ostilità sul litorale.

Nel mondo criminale romano questa vicenda aveva una tale eco da diventare tema di discussione per mesi: se ne trovano tracce anche tra le righe dell’ordinanza di custodia cautelare relativa all’operazione “Maverik”, che il legale leggeva con preoccupazione ad un suo conoscente. In quelle pagine spiccavano ai suoi occhi alcune frasi di Fabio Di Francesco che, parlando di “Barboncino”, raccontava come solo l’intervento pacificatore di Piscitelli avesse potuto mettere fine ad una faida destinata, altrimenti, a mietere molte vittime: “Romoletto (Carmine Spada) gliel’hanno apparato Diabolik e Fabietti. Perché (Marco Esposito) se stava a cacà in mano”.

La lettura delle intercettazioni metteva in agitazione il professionista, che affermava: “mo riarresteranno pure il mio povero Diabolik!” e, consapevole del proprio ruolo in quelle vicende, chiedeva “secondo te mi arrestano? Sicuramente mi indagano”.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:03 1581872580 Salvate il centro Lucha y Siesta
16:00 1581865200 La Rustica vuole essere tutta del Municipio V
13:00 1581854400 La Villa dei Casamonica diventa la casa dell’autismo
10:29 1581845340 Colti mentre cercano di forzare la saracinesca di un negozio, arrestati
10:00 1581843600 Segregata in casa da 6 mesi per il montascale rotto
08:00 1581836400 Antonio De Santis: “Lavoriamo per cambiare culturalmente la Capitale”
06:00 1581829200 L’Istituto Comprensivo Rosmini ricorda la Grande Guerra
15/02 1581788040 Metro, scale mobili in panne a Furio Camillo
15/02 1581778800 Punti Roma Facile, nuovo centro ad Ottavia
15/02 1581768000 Chiusa l’area giochi del parco ripulita dai cittadini
15/02 1581764400 Sindaca Raggi e Assessore Meleo in soccorso dei cinesi di Roma
15/02 1581757380 A tutta velocità sul Raccordo con l'auto imbottita di 60 kg di droga: arrestato
15/02 1581757200 Nelle scuole della Balduina il cibo non si butta
15/02 1581750000 Tartaruga Ohana, sospeso lo sfratto
15/02 1581742800 Raggi: “Via le mele marce dalla Municipale”
14/02 1581692400 Prima Porta, sul rischio idraulico il XV è compatto
14/02 1581681600 Si “allarga” il Parco delle Valli a Conca d’Oro
14/02 1581678060 Eugenio Patanè :“Calenda sindaco di Roma? Ipotesi di discussione seria”
14/02 1581673800 Pax mafiosa per scongiurare guerra tra clan. Arrestati avvocato e un Casamonica
14/02 1581670800 Tiburtino 3°, quei lavori (mai iniziati) alle case Ater
14/02 1581663600 Parco Carlo Felice, “Raggi chieda scusa”
14/02 1581656400 I 3 nodi che il M5S non scioglie: rifiuti, porta a porta e la presenza di Ama
13/02 1581613200 Amministratore della fiera di Roma: “Siamo il turbo dell’economia di Roma”
13/02 1581607200 Ricercata in tutto il mondo per l'omicidio del marito, viene scovata a Roma
13/02 1581606000 Iniziato il percorso per riqualificare Testaccio

Atac mette in vendita un suo stabile

Salvate il centro Lucha y Siesta

Atac mette in vendita un suo stabile

«Lucha y Siesta è un caleidoscopio di attività, è una casa rifugio, un centro antiviolenza, una casa di...


Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli