[X]
  [X]

Il problema dei rifiuti

I 3 nodi che il M5S non scioglie: rifiuti, porta a porta e la presenza di Ama

<
>
Fabio Altissimi, imprenditore settore dei rifiuti
Fabio Altissimi, imprenditore settore dei rifiuti
Manlio Cerroni, imprenditore settore dei rifiuti
Manlio Cerroni, imprenditore settore dei rifiuti
Valter Lozza, imprenditore settore dei rifiuti
Valter Lozza, imprenditore settore dei rifiuti

Nel settore rifiuti il Campidoglio manda in onda sempre lo stesso film che Roma e i romani conoscono a memoria da decenni. È durata 4 giorni la mini-crisi della spazzatura che ha rischiato di travolgere la città eterna, dal 7 al 10 febbraio, eppure è bastata per tenere i vertici del Campidoglio, ma anche del Governo Conte bis, con il fiato sospeso. Due delle tre discariche per rifiuti indifferenziati attive nella Regione Lazio, ossia i due siti di Civitavecchia e Roccasecca, hanno chiuso i battenti: il loro proprietario sosteneva che la classificazione del pattume urbano necessaria per l’interramento andava aggiornata da Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio. Lo stop temporaneo ha messo a serio rischio la tenuta del sistema della raccolta, come del resto già accaduto a Natale, costringendo l’Ama a rivolgersi ad altri impianti di trattamento anche fuori dal Lazio. I due immondezzai, chiusi e poi riaperti, sono riconducibili alla società Mad srl del patron dell'immondizia della Ciociaria, Valter Lozza, lo stesso che con la New Green Roma srl sta tentando la scalata ai rifiuti di Roma, un affare che vale decine di miliardi di euro: è suo il progetto per la nuova discarica romana di Monte Carnevale, a due passi da Malagrotta. Al netto della mera cronaca, però, i ‘problemi capitali’ del settore rifiuti di Roma sembrano altri.

PORTA A PORTA AL PALO

Ad avviso di chi scrive, sono almeno tre i nodi sulla gestione del ciclo dei rifiuti che la maggioranza grillina non è ancora riuscita a sciogliere. Primo: la Raggi è intenzionata a realizzare la nuova discarica di Roma a Monte Carnevale, l’Amministrazione non sembra disposta a fare passi indietro. Parallelamente però la sindaca non ha ancora annunciato – a 3 anni e mezzo di distanza dal proprio insediamento - un cronoprogramma serio e credibile sulla diffusione del Porta a porta spinto, la modalità di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani, ma soprattutto l’unica e vera alternativa al business mortale delle discariche e degli inceneritori. La discarica è purtroppo ‘necessaria’ alla chiusura del ciclo dei rifiuti, questa è una triste verità che nessuno può negare. Ma forse la pillola da far ingoiare ai propri cittadini ed elettori sarebbe un po’ più dolce se la Raggi avesse puntato sul Porta a porta e la nuova discarica utilizzata solo per interrare la frazione residua dei rifiuti indifferenziati, una parte che più si fa la differenziata e più diventa piccola. Ma la nuova discarica di Monte Carnevale, come accaduto per decenni con Malagrotta, servirà solo per continuare a gettare sotto al tappeto il 60% dell’immondizia prodotta dai romani esattamente come desiderato dai soliti e noti signori dei rifiuti. Il tema del Porta a porta, invece, è scomparso dall’agenda politica della sindaca che, dalle dimissioni dell’ex assessore all’Ambiente Pinuccia Montanari di febbraio 2019, ha tenuto per se la delega ai rifiuti, con tutte le responsabilità del caso. Chi, come e quando ha deciso che il Porta a porta a Roma non deve essere incrementato? Perchè non chiedere fondi extra al Ministero dell’Ambiente ed alla Regione Lazio per un programma straordinario di diffusione del Porta a porta  da realizzare in  soli 12 - 18 mesi?

LA DISCARICA AL PRIVATO: E AMA?

Secondo nodo: la futura discarica di Monte Carnevale verrà costruita e gestita da uno dei tanti privati del settore. I quesiti sorgono spontanei: l’Ama non era in grado di costruire e gestire una discarica? Un imprenditore  privato può legittimamente guadagnare soldi a palate da una discarica, mentre una società pubblica non può farlo? Perché il Piano industriale di Ama, preannunciato dall’Amministartore Stefano Zaghis prima di Natale, ancora non è stato reso pubblico? La Capitale ha ancora il bisogno di continuare ad inginocchiarsi davanti alle richieste dei signori dei rifiuti, come accaduto pochi giorni fa?  Le ‘bizze’ di oggi di Lozza sono così diverse da quelle di ieri di Fabio Altissimi, della Rida Ambiente di Aprilia, o da quelle dell’altro ieri di Manlio Cerroni, l’ex monopolista di Roma e dintorni nonchè proprietario di Malagrotta?  

I RIFIUTI SARANNO LA CAPORETTO DEL MOVIMENTO?

Terzo nodo: i 5Stelle romani in campagna elettorale avevano preannunciato di essere pronti a rivoluzionare il ciclo dei rifiuti di Roma, con l’introduzione massiccia del Porta a porta spinto, ma anche di voler garantire assoluta trasparenza all’intero settore. Eppure nessuno, in aula Giulio Cesare come nella varie Commissioni capitoline, riesce ad avere ancora notizie certe sui bilanci di Ama del 2017, 2018 e 2019, sul Piano industriale di Ama, ossia sul futuro che l’M5S ha disegnato per garantire alla sua municipalizzata più forza dal punto di vista industriale, strutturale, occupazionale ed economico. Resta segreto - e scalfito solo da indiscrezioni stampa affidate a qualche giornalista amico - anche l’esito delle incandescenti trattative politiche sulla nuova discarica di Roma che stanno animando i rapporti all’interno dell’M5S romano, oltre ai rapporti con l’alleato di Governo nazionale del Pd, sia in Campidoglio che alla Pisana. In tutta onestà, Roma e i romani si aspettavano un film ben diverso.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:03 1581872580 Salvate il centro Lucha y Siesta
16:00 1581865200 La Rustica vuole essere tutta del Municipio V
13:00 1581854400 La Villa dei Casamonica diventa la casa dell’autismo
10:29 1581845340 Colti mentre cercano di forzare la saracinesca di un negozio, arrestati
10:00 1581843600 Segregata in casa da 6 mesi per il montascale rotto
08:00 1581836400 Antonio De Santis: “Lavoriamo per cambiare culturalmente la Capitale”
06:00 1581829200 L’Istituto Comprensivo Rosmini ricorda la Grande Guerra
15/02 1581788040 Metro, scale mobili in panne a Furio Camillo
15/02 1581778800 Punti Roma Facile, nuovo centro ad Ottavia
15/02 1581768000 Chiusa l’area giochi del parco ripulita dai cittadini
15/02 1581764400 Sindaca Raggi e Assessore Meleo in soccorso dei cinesi di Roma
15/02 1581757380 A tutta velocità sul Raccordo con l'auto imbottita di 60 kg di droga: arrestato
15/02 1581757200 Nelle scuole della Balduina il cibo non si butta
15/02 1581750000 Tartaruga Ohana, sospeso lo sfratto
15/02 1581742800 Raggi: “Via le mele marce dalla Municipale”
14/02 1581692400 Prima Porta, sul rischio idraulico il XV è compatto
14/02 1581681600 Si “allarga” il Parco delle Valli a Conca d’Oro
14/02 1581678060 Eugenio Patanè :“Calenda sindaco di Roma? Ipotesi di discussione seria”
14/02 1581673800 Pax mafiosa per scongiurare guerra tra clan. Arrestati avvocato e un Casamonica
14/02 1581670800 Tiburtino 3°, quei lavori (mai iniziati) alle case Ater
14/02 1581663600 Parco Carlo Felice, “Raggi chieda scusa”
14/02 1581656400 I 3 nodi che il M5S non scioglie: rifiuti, porta a porta e la presenza di Ama
13/02 1581613200 Amministratore della fiera di Roma: “Siamo il turbo dell’economia di Roma”
13/02 1581607200 Ricercata in tutto il mondo per l'omicidio del marito, viene scovata a Roma
13/02 1581606000 Iniziato il percorso per riqualificare Testaccio

Atac mette in vendita un suo stabile

Salvate il centro Lucha y Siesta

Atac mette in vendita un suo stabile

«Lucha y Siesta è un caleidoscopio di attività, è una casa rifugio, un centro antiviolenza, una casa di...


Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli