[X]
  [X]

Il problema dei rifiuti

I 3 nodi che il M5S non scioglie: rifiuti, porta a porta e la presenza di Ama

<
>
Fabio Altissimi, imprenditore settore dei rifiuti
Fabio Altissimi, imprenditore settore dei rifiuti
Manlio Cerroni, imprenditore settore dei rifiuti
Manlio Cerroni, imprenditore settore dei rifiuti
Valter Lozza, imprenditore settore dei rifiuti
Valter Lozza, imprenditore settore dei rifiuti

Nel settore rifiuti il Campidoglio manda in onda sempre lo stesso film che Roma e i romani conoscono a memoria da decenni. È durata 4 giorni la mini-crisi della spazzatura che ha rischiato di travolgere la città eterna, dal 7 al 10 febbraio, eppure è bastata per tenere i vertici del Campidoglio, ma anche del Governo Conte bis, con il fiato sospeso. Due delle tre discariche per rifiuti indifferenziati attive nella Regione Lazio, ossia i due siti di Civitavecchia e Roccasecca, hanno chiuso i battenti: il loro proprietario sosteneva che la classificazione del pattume urbano necessaria per l’interramento andava aggiornata da Ministero dell’Ambiente e Regione Lazio. Lo stop temporaneo ha messo a serio rischio la tenuta del sistema della raccolta, come del resto già accaduto a Natale, costringendo l’Ama a rivolgersi ad altri impianti di trattamento anche fuori dal Lazio. I due immondezzai, chiusi e poi riaperti, sono riconducibili alla società Mad srl del patron dell'immondizia della Ciociaria, Valter Lozza, lo stesso che con la New Green Roma srl sta tentando la scalata ai rifiuti di Roma, un affare che vale decine di miliardi di euro: è suo il progetto per la nuova discarica romana di Monte Carnevale, a due passi da Malagrotta. Al netto della mera cronaca, però, i ‘problemi capitali’ del settore rifiuti di Roma sembrano altri.

PORTA A PORTA AL PALO

Ad avviso di chi scrive, sono almeno tre i nodi sulla gestione del ciclo dei rifiuti che la maggioranza grillina non è ancora riuscita a sciogliere. Primo: la Raggi è intenzionata a realizzare la nuova discarica di Roma a Monte Carnevale, l’Amministrazione non sembra disposta a fare passi indietro. Parallelamente però la sindaca non ha ancora annunciato – a 3 anni e mezzo di distanza dal proprio insediamento - un cronoprogramma serio e credibile sulla diffusione del Porta a porta spinto, la modalità di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani, ma soprattutto l’unica e vera alternativa al business mortale delle discariche e degli inceneritori. La discarica è purtroppo ‘necessaria’ alla chiusura del ciclo dei rifiuti, questa è una triste verità che nessuno può negare. Ma forse la pillola da far ingoiare ai propri cittadini ed elettori sarebbe un po’ più dolce se la Raggi avesse puntato sul Porta a porta e la nuova discarica utilizzata solo per interrare la frazione residua dei rifiuti indifferenziati, una parte che più si fa la differenziata e più diventa piccola. Ma la nuova discarica di Monte Carnevale, come accaduto per decenni con Malagrotta, servirà solo per continuare a gettare sotto al tappeto il 60% dell’immondizia prodotta dai romani esattamente come desiderato dai soliti e noti signori dei rifiuti. Il tema del Porta a porta, invece, è scomparso dall’agenda politica della sindaca che, dalle dimissioni dell’ex assessore all’Ambiente Pinuccia Montanari di febbraio 2019, ha tenuto per se la delega ai rifiuti, con tutte le responsabilità del caso. Chi, come e quando ha deciso che il Porta a porta a Roma non deve essere incrementato? Perchè non chiedere fondi extra al Ministero dell’Ambiente ed alla Regione Lazio per un programma straordinario di diffusione del Porta a porta  da realizzare in  soli 12 - 18 mesi?

LA DISCARICA AL PRIVATO: E AMA?

Secondo nodo: la futura discarica di Monte Carnevale verrà costruita e gestita da uno dei tanti privati del settore. I quesiti sorgono spontanei: l’Ama non era in grado di costruire e gestire una discarica? Un imprenditore  privato può legittimamente guadagnare soldi a palate da una discarica, mentre una società pubblica non può farlo? Perché il Piano industriale di Ama, preannunciato dall’Amministartore Stefano Zaghis prima di Natale, ancora non è stato reso pubblico? La Capitale ha ancora il bisogno di continuare ad inginocchiarsi davanti alle richieste dei signori dei rifiuti, come accaduto pochi giorni fa?  Le ‘bizze’ di oggi di Lozza sono così diverse da quelle di ieri di Fabio Altissimi, della Rida Ambiente di Aprilia, o da quelle dell’altro ieri di Manlio Cerroni, l’ex monopolista di Roma e dintorni nonchè proprietario di Malagrotta?  

I RIFIUTI SARANNO LA CAPORETTO DEL MOVIMENTO?

Terzo nodo: i 5Stelle romani in campagna elettorale avevano preannunciato di essere pronti a rivoluzionare il ciclo dei rifiuti di Roma, con l’introduzione massiccia del Porta a porta spinto, ma anche di voler garantire assoluta trasparenza all’intero settore. Eppure nessuno, in aula Giulio Cesare come nella varie Commissioni capitoline, riesce ad avere ancora notizie certe sui bilanci di Ama del 2017, 2018 e 2019, sul Piano industriale di Ama, ossia sul futuro che l’M5S ha disegnato per garantire alla sua municipalizzata più forza dal punto di vista industriale, strutturale, occupazionale ed economico. Resta segreto - e scalfito solo da indiscrezioni stampa affidate a qualche giornalista amico - anche l’esito delle incandescenti trattative politiche sulla nuova discarica di Roma che stanno animando i rapporti all’interno dell’M5S romano, oltre ai rapporti con l’alleato di Governo nazionale del Pd, sia in Campidoglio che alla Pisana. In tutta onestà, Roma e i romani si aspettavano un film ben diverso.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
19:43 1586540580 Il lockdown si allenta dal 3 maggio. Cartolibrerie e librerie riaprono prima
19:26 1586539560 I "Proiezionisti Anonimi" illuminano i palazzi di Colli Aniene
17:43 1586533380 Consegnava farmaci illegali per la cura del coronavirus: denunciato un cinese
17:08 1586531280 Roma e provincia: oggi 86 nuovi pazienti positivi al coronavirus
16:45 1586529900 A quali banche si può chiedere l'anticipo di cassa integrazione? Ecco l'elenco
16:37 1586529420 Al San Giovanni dell'Addolorata zaini per emergenza donati dai poliziotti
16:09 1586527740 Vendevano mascherine e gel igienizzanti rincarati del 500%: tre denunce
15:09 1586524140 Pasqua e Pasquetta, Raggi avverte: «Non fate i furbi, controlli anche di notte»
15:02 1586523720 Dal 17 aprile al via le assunzioni di 300 nuovi agenti di polizia locale
14:52 1586523120 Raggi: «Consegnato al Ministero progetto tram Termini-Giardinetti-Tor Vergata»
13:09 1586516940 Cittadino del Niger deve scontare 1 anno e 7 mesi, fermato dalla Polizia
12:30 1586514600 Materiali edili occultati in un pozzo fognario scoperto dalla Polizia
11:26 1586510760 La scuola online ai tempi del Coronavirus: "La scuola li salva dalla noia"
11:21 1586510460 Laurentina, scoperto cantiere abusivo in piena attività: denunce e sanzioni
10:54 1586508840 Colombe pasquali a medici, infermieri e operatori sanitari che salvano vite
10:48 1586508480 47enne romano arrestato dalla Polizia per maltrattamenti in famiglia
10:24 1586507040 Meno crimini con le città vuote, nel Lazio ‘solo’ 6.164 reati in 22 giorni
10:06 1586505960 Acea, ferie “forzate” per i dipendenti in smart working da casa, protesta di USB
09:28 1586503680 Covid-19, nel Lazio l'età media dei positivi è 58 anni. Più uomini che donne
09:11 1586502660 L'atteso "Piano Sanpietrini" parte da Piazza Venezia
08:34 1586500440 Campidoglio, la sala dei giuramenti sarà dedicata al dipendente morto di Covid
08:21 1586499660 Detenuta di Rebibbia positiva, negativi 75 tamponi alle compagne di cella
08:14 1586499240 Il governo va verso il lockdown fino al 3 maggio, la riapertura sarà progressiva
08:07 1586498820 Impresa produceva abusivamente mascherine: sequestrati 1500 dispositivi
09/04 1586447400 Conte: «Se scienziati confermano, entro fine aprile allenteremo alcune misure»

Sport


Inchieste
[+] Mostra altri articoli