[X]
  [X]

assegnati solo 281mila

Fondi regionali per l’editoria: che fallimento!

Sono questi i giornalisti che piacciono ai politici?
Sono questi i giornalisti che piacciono ai politici?

L’80% dei fondi stanziati dalla Regione Lazio a sostegno dell’editoria “libera e indipendente” sono rimasti nel cassetto: su 1,3 milioni di euro, sono stati assegnati solo 281mila euro. Il mondo dell’informazione, soprattutto quello della carta stampata, sta attraversando una profonda trasformazione: si parla tanto di crisi dell’editoria, ma in realtà esistono aziende editoriali in pieno sviluppo, come ad esempio quella de Il Caffè, la nostra testata. La legge regionale che ha stanziato i fondi, però, è ancorata a schemi dello scorso millennio, ad un’editoria che non esiste più: una legge che ignora, anzi mette i bastoni tra le ruote alla vera editoria “libera e indipendente” e mira a sovvenzionare testate ormai morenti, prolungandone solo l’agonia. L’avevamo detto e scritto quando era stata pubblicata la legge e i risultati si sono visti: tanti soldi stanziati, che non aiuteranno nessuno, né creeranno anche un solo posto di lavoro.  Più che aiutare l’informazione libera e indipendente i politici sembrano volerla contrastare, aiutando solo chi si “sottomette” ai loro voleri. Ne è un altro esempio il recente bando regionale da 3 milioni di euro sempre della Regione Lazio per promuovere ‘pubblicità istituzionale’ che si è svolto e concluso nel 2019, con tutti i soldi assegnati a noti operatori del settore che saranno tenuti però non a fare libera informazione, ma ‘solo’ a lanciare servizi e comunicati propagandistici per conto dei politici regionali.

I PUNTI INTERROGATIVI

Per discutere del fallimento della legge, il 5 febbraio si è riunita alla Pisana la  Commissione regionale sulla Pluralità di Informazione.  «Serve – ha sostenuto in apertura di seduta il presidente di Commissione, Davide Barillari (M5S) - un’indagine conoscitiva per comprendere a fondo le dinamiche del settore nel Lazio”. Al suo fianco, la poltrona vuota di Paolo Orneli, promosso lo scorso novembre a capo dell’assessorato allo Sviluppo economico, dopo che per il suo predecessore Gian Paolo Manzella è arrivata la chiamata per una poltrona da sottosegretario nel governo Conte-bis. L’assessore era stato chiamato a relazionare dalla Commissione. «Lo scarso successo del bando – ha tuonato  il consigliere regionale Rodolfo Lena (PD) - è forse dovuto a problemi nei criteri d’accesso oppure è un discorso di sfiducia da parte delle imprese editoriali?». «Come procedere per superare le criticità emerse? - ha aggiunto il collega di partito Emiliano Minnucci - che ci facciamo con i soldi avanzati?». Accanto a Minnucci era seduto il presidente della Commissione Lavoro, Eleonora Mattia (Pd) e il consigliere Loreto Marcelli (M5S). Tutti quesiti a cui avrebbe dovuto rispondere, in rappresentanza degli Uffici regionali, il delegato allo Sviluppo economico della Giunta Zingaretti.

I “REQUISITI STRINGENTI”

Le motivazioni del flop sembrerebbero almeno in parte spiegate in una relazione sulla procedura di gara redatta dallo stesso assessore Orneli, che Il Caffè ha potuto visionare. “Requisiti troppo stringenti ed onerosi” - recita il documento di Orneli - che mette in fila diversi punti critici di un avviso pubblico lanciato sulla base della legge regionale  13/2016 in materia sul sostegno al mondo dell’editoria locale. E destinato, appunto, a “stampa quotidiana e periodica locale”, agenzie di stampa, emittenti televisive e radiofoniche, fino alle onlus. Le domande pervenute, del resto, sono state appena 46, per un importo complessivo richiesto pari a 515mila euro (su 1,3 milioni messi sul piatto). Di queste quasi la metà è stata esclusa. E così la somma effettivamente erogata è stata di 281mila euro. 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
18:03 1581872580 Salvate il centro Lucha y Siesta
16:00 1581865200 La Rustica vuole essere tutta del Municipio V
13:00 1581854400 La Villa dei Casamonica diventa la casa dell’autismo
10:29 1581845340 Colti mentre cercano di forzare la saracinesca di un negozio, arrestati
10:00 1581843600 Segregata in casa da 6 mesi per il montascale rotto
08:00 1581836400 Antonio De Santis: “Lavoriamo per cambiare culturalmente la Capitale”
06:00 1581829200 L’Istituto Comprensivo Rosmini ricorda la Grande Guerra
15/02 1581788040 Metro, scale mobili in panne a Furio Camillo
15/02 1581778800 Punti Roma Facile, nuovo centro ad Ottavia
15/02 1581768000 Chiusa l’area giochi del parco ripulita dai cittadini
15/02 1581764400 Sindaca Raggi e Assessore Meleo in soccorso dei cinesi di Roma
15/02 1581757380 A tutta velocità sul Raccordo con l'auto imbottita di 60 kg di droga: arrestato
15/02 1581757200 Nelle scuole della Balduina il cibo non si butta
15/02 1581750000 Tartaruga Ohana, sospeso lo sfratto
15/02 1581742800 Raggi: “Via le mele marce dalla Municipale”
14/02 1581692400 Prima Porta, sul rischio idraulico il XV è compatto
14/02 1581681600 Si “allarga” il Parco delle Valli a Conca d’Oro
14/02 1581678060 Eugenio Patanè :“Calenda sindaco di Roma? Ipotesi di discussione seria”
14/02 1581673800 Pax mafiosa per scongiurare guerra tra clan. Arrestati avvocato e un Casamonica
14/02 1581670800 Tiburtino 3°, quei lavori (mai iniziati) alle case Ater
14/02 1581663600 Parco Carlo Felice, “Raggi chieda scusa”
14/02 1581656400 I 3 nodi che il M5S non scioglie: rifiuti, porta a porta e la presenza di Ama
13/02 1581613200 Amministratore della fiera di Roma: “Siamo il turbo dell’economia di Roma”
13/02 1581607200 Ricercata in tutto il mondo per l'omicidio del marito, viene scovata a Roma
13/02 1581606000 Iniziato il percorso per riqualificare Testaccio

Atac mette in vendita un suo stabile

Salvate il centro Lucha y Siesta

Atac mette in vendita un suo stabile

«Lucha y Siesta è un caleidoscopio di attività, è una casa rifugio, un centro antiviolenza, una casa di...


Sport

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli