[X]
  [X]

prima battuta d’arresto per lo sfratto

La scuola di musica popolare continuerà (per ora) a suonare

Chi l'ha detto che si canta con la voce? A volte basta un guanto bianco. Accade alla Scuola di musica popolare di Testaccio, dove il coro mani bianche dà vita a delle esibizioni speciali, nelle quali i bambini sordomuti o con deficit sensoriali si affiancano ai loro compagni che cantano, realizzando con le mani una coreografia gestuale ispirata alla lingua italiana dei segni. E rigorosamente con i guanti bianchi. Un modo raro e originale per assicurare a tutti il diritto all'espressione sonora e musicale. Purtroppo questo progetto, così come le altre iniziative della scuola, rischiano di non avere più una sede. Questo perché l'istituto rientra tra quelli ai quali il Comune chiede una regolarizzazione dell'assegnazione. E la scuola risponde invocando regole certe. “Come tutte le associazioni, chiediamo un regolamento che sia una volta per tutte definitivo e concreto. È auspicabile che si faccia di concerto proprio con le associazioni coinvolte” spiega il presidente della Scuola di musica popolare di Testaccio, Roberto Nicoletti.

L’intervento del Tar

Nata nel 1975 da un'occupazione ad opera di musicisti e jazzisti, la Scuola di musica popolare di Testaccio è cresciuta negli anni rivolgendosi fin da subito all'esterno. “Nel nostro caso specifico - prosegue il presidente -, per il momento sembra allontanato il rischio di uno sfratto perché il Tar non ha rifiutato il nostro ricorso, che avevamo presentato come tutti gli altri in seguito alle determine emesse dall'assessorato al Patrimonio nei confronti delle realtà destinatarie da anni delle assegnazioni dei locali del Comune. Ci è stata riconosciuta la nostra funzione all'interno del Mattatoio e il fatto che abbiamo avuto questa assegnazione perché eravamo già lì da tempo e rappresentiamo una realtà che fa parte di un progetto più amplio di riqualificazione di quell'area. In concreto, anche se non è stato bocciato, il nostro ricorso non è stato neanche accolto. Quindi ci troviamo in una situazione di limbo, in attesa del prossimo 19 febbraio quando incontreremo di nuovo il Comune, che ha dimostrato la volontà di venirci incontro”.

La valenza sociale della scuola

Oggi questa scuola ha valicato i confini di Testaccio raggiungendo una media di novecento iscritti all'anno. La peculiarità riconosciuta all'istituto, però, risiede nella sua valenza sociale. Non solo per il quartiere, ma per l'intera città alla quale offre due bande musicali che si possono frequentare gratuitamente, una mobile e con un repertorio di musiche balcaniche, l'altra più classica, da seduti, nella quale suonano spesso accanto nonni e nipoti. Alle bande si unisce il coro di mani bianche, anche questo gratuito.

La palla passa al Comune

“Speriamo vivamente che questa sensibilità venga confermata. Così come speriamo che si possa risolvere la situazione anche inerente alle altre associazioni, insieme alle quali stiamo portando avanti in maniera corale questa lotta contro gli sfratti e per l'attuazione di un regolamento che dia finalmente una sistemazione definitiva a tutti. O, in alternativa, una sospensiva di tutte queste attuazioni”. Negli anni Settanta Testaccio non era certo il quartiere alla moda di oggi, ma un'area con una forte identità culturale e tutta da riqualificare. L'istituto diretto da Nicoletti è stato parte attiva in questo percorso di rigenerazione, stabilendosi all'interno dell'ex Mattatoio, ristrutturandone i locali e la sala concerti e offrendo a tutti, esperti e non, la possibilità di suonare grazie all'iniziativa delle orchestre aperte. “Il caos che si sta verificando - conclude Nicoletti - non attiene solo a questa amministrazione ma anche al passato, quando si sono attribuite le concessioni senza dare veri e propri contratti di affitto alle associazioni che entravano in questi locali. È una situazione nella quale si uniscono responsabilità amministrative e ritardi, ma anche tante indecisioni”. Ora l'auspicio è che negli spazi dell'ex-Mattatoio risuonino ancora le note dei musici popolari.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16:38 1579621080 Laurentina, durante un furto tenta di smurare una cassaforte
12:00 1579604400 La Raggi si deve scontrare con i giudici sulla nomina di Marra e affaire stadio
11:55 1579604100 Con false segnalazioni al 112 tormentava il figlio e l'ex compagna
11:49 1579603740 Minacciano il conducente e bloccano la ripartenza del bus, denunciati
10:00 1579597200 Partenza nel caos per il nuovo appalto mense
10:00 1579597200 Parco Nemorense, c’è il progetto ma i lavori non partono
06:00 1579582800 Ambulanze: cambia tutto, anzi (ancora) no
20/01 1579539600 Municipio I, 350mila euro per la manutenzione dei marciapiedi
20/01 1579536000 Spostati alcuni ambulanti, si arriva alle botte per protesta
20/01 1579532700 D'Amato al Campus Bio-medico per la fine dei lavori per il Pronto Soccorso
20/01 1579527300 Entra nella Asl e pretende una dose di metadone superiore a quella prevista
20/01 1579525680 Ostiense, chiusi ristoranti per irregolarità igieniche e amministrative
20/01 1579518000 Ombre sulla vendita di 5mila case popolari dell’Ater di Roma
20/01 1579514400 Quel commissariamento infinito delle Ater del Lazio
20/01 1579503600 Municipio I, successo per i centri ricreativi invernali
19/01 1579453200 Via Maes, i commercianti lanciano l’allarme
19/01 1579449600 Piazza Venezia, si accelera per la Metro C
19/01 1579446000 Via IV Novembre dice addio ai sampietrini
19/01 1579435200 Campo Testaccio, passi avanti per la riqualificazione
19/01 1579426800 Arrestati due iraniani per aver concorso in un furto nel centro commerciale
19/01 1579426560 Oggi 19 gennaio parte la prima domenica ecologica: tutte le informazioni
19/01 1579426320 Minacce al padre: "Ti ammazzo ti metto la macchina a fuoco": arrestato
19/01 1579426260 Rientra a casa ubriaco e aggredisce il padre: arrestato un 22enne
19/01 1579424400 Incendiata la casa Protostorica, Giovanni Caudo: “ora si intervenga”
19/01 1579417200 Stadio della Roma, progetto ancora in stallo

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli