[X]
  [X]

I ristoratori lanciano la proposta

Contro i rifiuti in strada, isole spot e doppia raccolta

Rifiuti accatastati. Sacchi neri in terra. Spesso perfino aperti ed in balia del maltempo. Un panorama ormai comune nelle vie del centro storico, dove a pagare lo scotto di una raccolta non organizzata sono spesso i ristoratori per i quali la produzione di scarti, soprattutto alimentari, è più elevata rispetto a quella di un nucleo familiare. Il recente scandalo della mancata raccolta da parte di alcuni operatori appaltanti di Ama è solo l’ultimo tassello di un quadro generale molto più ampio, dove i rifiuti probabilmente rimarrebbero abbandonati anche se tutti operassero seguendo le attuali regole. Perché ad essere sbagliato è proprio il sistema con il quale è stata concepita la raccolta, secondo quanto denunciano alcuni ristoratori del centro storico. Che dalle pagine de ‘Il Caffè di Roma’ lanciano una proposta all’Ama.“E’ necessario che si creino delle isole ambientali ad orario, corrispondenti a specifiche aree. Dei singoli punti prestabiliti dove il camioncino della raccolta sosti un determinato lasso di tempo, durante il quale sono i ristoratori di quella zona a conferire i rifiuti. In questo modo siamo sicuri che vengano raccolti - spiega Roberta Pepi, ristoratrice del centro storico e rappresentante dell’associazione di categoria Roma Più Bella -. Un altro aspetto importante è rappresentato dal passaggio degli operatori che vengono a raccogliere presso il ristorante. Non è pensabile che si faccia un solo passaggio al giorno, devono farne due. I ristoranti vivono del doppio turno”. “È vero che gli operatori dovrebbero passare di notte – spiega ancora Pepi – ma la realtà dei fatti è che spesso noi ristoratori lasciamo i sacchi all’esterno proprio per consentire che vengano ritirati. Ma la mattina dopo ce li ritroviamo ancora lì. Per motivi igienici, non possiamo certo rimettere all’interno del locale delle buste che sono state tutta la notte all’aperto ed in terra. E che spesso il giorno seguente sono anche rotte. Haccp e Asl ci impongono standard che dobbiamo rispettare. Così come ci chiedono di smaltire a un ritmo più elevato di quanto non consenta la raccolta in questa città. Basti pensare che per indifferenziata e cartoni passano ogni tre giorni. Ma in un ristorante non è pensabile che si possa tenere questo genere di scarti per oltre ventiquattro ore”. E proprio la rottura dei contenitori è tra le ulteriori questioni che i ristoratori pongono all’Ama. “Il sacco dell'umido è specifico perché biodegradabile, ma si rompe facilmente. E questo vale ancor di più quando lo utilizziamo per il vetro. Sarebbero più utili dei bidoncini. E l’aspetto più assurdo è che questo sacco biodegradabile dovrebbe essere fornito in dotazione ma, in realtà, non ci viene mai lasciato. Dobbiamo richiederlo noi. E non è detto che ci venga dato, anzi. Il rotolo biodegradabile ha un prezzo 130 volte superiore a quello del sacco nero. Paghiamo la tassa sui rifiuti e avremmo diritto ad averlo in dotazione, perché l’Ama non ce lo lascia?”. “Il problema della mancata raccolta ha contrapposto ancora una volta residenti e commercianti. Un’opposizione ingiusta verso la società. In questo modo si creano buoni contro cattivi, ma siamo tutti parte dello stesso territorio. Il nostro obiettivo – conclude Pepi – è far conciliare le esigenze di entrambi”.

Barbara Laurenzi

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
14:11 1590408660 Termini e Tiburtina, sgomberati gli alloggi dei senzatetto e sanificata l'area
13:39 1590406740 Ordinanza di Raggi: chi butta a terra mascherine e guanti rischia multa da 500€
13:24 1590405840 Assistenti civici per evitare assembramenti: non percepiranno retribuzione
12:50 1590403800 Giallo sul bonus di 600 € ai professionisti: spetta anche per aprile e maggio?
11:54 1590400440 Ruba un navigatore da un'auto nel parcheggio della parrocchia: arrestato
11:39 1590399540 Sgomberati i migranti di Baobab davanti alla stazione Tiburtina: 26 identificati
11:30 1590399000 In Ama quattro persone colpite da Covid: «Messe in campo tutte le protezioni»
10:04 1590393840 Da domani a Fiumicino nuove modalità di accesso allo scalo aeroportuale
08:59 1590389940 Cognato di Spada gambizzato, l'ipotesi: una guerra per il controllo di Ostia
08:40 1590388800 Oggi riaprono palestre e piscine: ecco le regole da rispettare
08:21 1590387660 17mila controlli e 60 irregolarità a Roma. Assembramenti a Ostia
08:13 1590387180 60mila assistenti civici faranno rispettare il distanziamento: arriva il bando
07:07 1590383220 Cinema, con il drive in si parte a luglio. Ecco location e numeri
06:20 1590380400 Santa Maria della Pietà, braccio di ferro per il Padiglione 31
24/05 1590340200 Stazione Tuscolana, slitta a luglio la manifestazione d’interesse
24/05 1590328980 9 positivi nella Capitale nelle ultime 24 ore, cala la curva del contagio
24/05 1590328800 "Scuola, al lavoro per riaprire le scuole di Roma ma in assoluta sicurezza”
24/05 1590324780 Malagrotta bis, la battaglia dei cittadini continua al Consiglio di Stato
24/05 1590321600 Parchi come le giungle, ma non ci sono giardinieri
24/05 1590313380 Scoppia la guerra ‘politica’ per il controllo della neve (e l’acqua) di Roma
24/05 1590308100 “Roma abbondonata dalla Giunta Raggi”. Rachele Mussolini accusa Amministrazione
24/05 1590307380 In manette 15 pusher, sequestrati 2 kg di stupefacenti e 9mila € in contanti
24/05 1590307200 Agostina Pietrantoni, ecco la storia della santa degli infermieri
24/05 1590292800 A Val Melaina il virus non ha fermato il degrado
24/05 1590292200 Commissione Commercio: più spazio all’aperto, zero tasse e pratiche molto veloci

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli