[X]
  [X]

Parte la Commissione d'inchiesta

L’odissea del Piano edilizio di Monte Stallonara: palazzi su ex discariche FOTO

<
>
EUGENIO PATANÉ (PD) e ROBERTA LOMBARDI (M5S) 
Due consiglieri regionali, membri della Commissione speciale di inchiesta
EUGENIO PATANÉ (PD) e ROBERTA LOMBARDI (M5S) Due consiglieri regionali, membri della Commissione speciale di inchiesta

Monte Stallonara, estrema periferia sud-ovest della Capitale, nel quadrante compreso tra via della Magliana, via di Ponte Galeria e via della Pisana, a due passi dal Consiglio Regionale. Una periferia come tante, anche se qui a ben vedere c’è la testimonianza perfetta del fallimento di buona parte dei cosiddetti Piani di zona varati nella Capitale negli ultimi decenni nell’ambito dell’edilizia popolare. Di questo si è ampiamente e animatamente discusso nel corso della  seduta della Commissione speciale d’inchiesta istituita dalla Regione Lazio e costituita dalla unificazione delle Commissioni Urbanistica e Lavori pubblici a cui il Caffè diRoma ha partecipato. Il faccia a faccia si è tenuto alla Pisana, sede del Consiglio regionale, lo scorso 30 settembre. Contrapposti, l’uno di fronte all’altro, le autorità pubbliche, i comitati della Casa, i costruttori e le cooperative.

SENZA STRADE, MARCIAPIEDI, SCUOLE E PARCHI
Il Piano di Monte Stallonara sorge su una superficie complessiva di circa 40 ettari. Dal 2007 si è iniziato a buttare cemento: sono stati tirati su circa 30 palazzi ancora privi delle opere di urbanizzazione che dovrebbero rendere vivibile il nuovo insediamento urbano: scuole, parcheggi, parchi pubblici, parcheggi, etc. Tutto rimasto sulla carta. Fognature, acqua, gas ed elettricità sono stati completati, anche se con anni di ritardo. Ma a Monte Stallonara, oltre a buona parte dell’illuminazione pubblica, continuano a non esserci nemmeno strade e marciapiedi, che non posso essere realizzati se non si risolve prima il problema delle fogne “chiare” e cioè dello sversamento delle acque meteoriche. Già, perché quando piove in quell’area si verificano spesso allagamenti. E proprio di questo si è discusso in Commissione e su cui – così è in grado di confermare il Caffè di Roma – la Procura ha aperto un nuovo fascicolo di indagine.

CHI PAGHERÀ 1,5 MLN DI EURO?
In relazione a quegli strani e continui allagamenti bisogna tenere presenti le peripezie del progetto delle vasche di laminazione, ovvero dei vasconi in cui far confluire le acqua piovane. I rimpalli di responsabilità tra costruttori, consorzi e comune durano 6 anni. Ma il problema in realtà è un altro: chi pagherà per un’opera che arriverà a costare oltre un milione e mezzo di euro non prevista inizialmente? Il Consorzio dei costruttori, tramite l’intervento in Commissione di Gianfranco Casale, presidente di una delle tante coop del Consorzio, ha dichiarato: “Si tratta di somme che non erano comprese negli oneri di urbanizzazione previsti per gli attuali operatori (cioè i costruttori)” . E in effetti a dire la stessa cosa è lo stesso Dipartimento di programmazione e attuazione urbanistica (Pau) del Campidoglio, per la precisione in una missiva inviata al Consorzio lo scorso agosto in cui si legge che “deve essere ancora valutata la copertura finanziaria” dell’opera. La verità è che i soldi sono finiti: “Il Pau – continua Casale – non fornendo nuove concessioni su Monte Stallonara, nemmeno in sostituzione degli operatori rinunciatari o espulsi, e né prorogando quelle per gli operatori richiedenti, determina una ovvia carenza di risorse economiche anche per le ultime opere di urbanizzazione rimaste”. Insomma, un bel pasticcio. E la luce in fondo al tunnel sembra lontana.

IL DOPPIO FILONE DI INDAGINI E IL PROCESSO
Sicuramente il Piano di Zona B50, così si chiama tecnicamente la lottizzazione di Monte Stallonara, è uno dei più difficili dei 125 programmi costruttivi nati per offrire una casa a canone e prezzi calmierati a chi non può accedere né ad una vera e propria casa popolare né al mercato delle abitazioni. Si parla, appunto, di edilizia residenziale pubblica (erp), per la precisione di quella agevolata e convenzionata. Case costruite su terreni espropriati a privati e concessi ad imprese e cooperative che in cambio, grazie anche all’ottenimento di contributi regionali a fondo perduto e di un mutuo agevolato dalle banche, avrebbero poi dovuto realizzare le opere di urbanizzazione primaria e secondaria (riunendosi in consorzi di urbanizzazione) e vendere gli appartamenti a prezzi più bassi agli inquilini che in molti casi diventano soci delle cooperative, con annesso frazionamento del mutuo. Ma a Monte Stallonara qualcosa è andato storto. Da edifici che potrebbero essere stati costruiti su una montagna di rifiuti, fino a case vendute a prezzi più alti di quelli stabiliti dalla legge. Aspetti al centro di un doppio filone d’indagine aperto dalla Procura di Roma, con annessi rinvii a giudizio, che riguarda tre palazzine e tre coop, ma che potrebbe estendere il suo raggio d’azione.


Quelle truffe… nella terra dei fuochi romana
Lo scorso agosto a Monte Stallonara è divampato un vasto incendio. Ma dopo lo spegnimento, il terreno ha continuato a fumare per diversi giorni: erano tutti rifiuti di ogni tipo che continuavano a bruciare. Qui gli abitanti la chiamano la “Terra dei fuochi romana”. Eppure che lì c’era una ex cava adibita a discarica abusiva si sapeva sin dal 2005, quando sono state svolte le prime indagini geologiche. Così il progetto è stato spostato su un lotto adiacente, con il benestare da parte della Regione, ma a patto che si bonificasse l’area e che non si costruisse dove non erano stati fatti i carotaggi. Cosa che non è avvenuta, almeno secondo l’accusa della Procura di Roma. Già, perché nel 2015, mentre si stava scavando per le fognature, sono stati rinvenuti rifiuti di ogni tipo anche sul nuovo terreno, dove ora ci sono tre palazzi. Intanto due anni fa, l’ex procuratore capo Pignatone aveva scritto alla sindaca Raggi, chiedendo nuove indagini del suolo di cui ancora non c’è traccia. Nel frattempo nelle le tre palazzine in via Decimomannu al centro dell’inchiesta si stanno verificando i primi cedimenti strutturali. Appartamenti che peraltro – è l’altro filone d’indagine – sono stati venduti a cifre più alte rispetto a prezzi massimi previsti dalla Regione, la quale ha erogato dei contributi pubblici che, grazie a vendite dissimulate da patti di futura vendita, potrebbero essere stati intascati in larga parte dalle tre coop indagate. Truffa aggravata è la principale ipotesi di reato.


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
16/11 1573923600 Funivia Casalotti-Battistini, l’iter del progetto va avanti
16/11 1573916400 Colle Mattia, parte il Progetto di Rigenerazione Urbana
16/11 1573905600 Ztl (zona a traffico limitato) più lunga di due ore: si parte a dicembre
16/11 1573902480 Smantellata una banda di albanesi specializzata in rapine in villa
16/11 1573902060 La Formato protesta criticità strutturali, accorpamento ed emergenza topi
16/11 1573894800 Labaro, iniziata la messa in sicurezza delle alberature del Parco
16/11 1573887600 Reinventiamo San Lorenzo, proposte fino al 24 novembre
16/11 1573880400 Mafia Capitale non c’è, i boss verso la libertà
15/11 1573837200 Sentiero Pasolini, i volontari “Andiamo avanti nonostante le difficoltà”
15/11 1573830000 Presidente Agnello: "Il Parco Federico Sacco sarà riconsegnato ai cittadini"
15/11 1573829400 Arrestati appartenenti clan Pelle e Pizzata per possesso di oltre 3Kg di cocaina
15/11 1573829220 Trovato con un borsone pieno di 100 mila euro in contanti
15/11 1573819200 La nuova area pedonale nel cuore di Talenti convince (a metà)
15/11 1573817100 Controlli anti droga a tappeto: 20enne fermato con un 1kg di droga
15/11 1573815600 Roma Metropolitane: avanti, ma a singhiozzo
15/11 1573815600 Salvi (fino a Giugno) i 750 dipendenti del presidio sanitario Columbus
15/11 1573814040 Ambulanza presa a sassate in un campo nomadi. Paura, ma nessun ferito
15/11 1573803000 Alessandro Fasciani arrestato dalla Polizia prima che potesse fuggire in Belize
15/11 1573801980 Stefano Cucchi, omicidio preterintenzionale. Condannati due carabinieri
15/11 1573801200 Presentato il progetto per completare il Parco C6
15/11 1573794000 Ignazio Marino: “La politica italiana non ha interesse per Roma!"
14/11 1573750800 La Presidente Lozzi:“Più presenza delle forze dell’ordine in VII Municipio”
14/11 1573743600 Area Sacra Largo Argentina, ultima fase di restauro della pavimentazione antica
14/11 1573736460 Rintracciato anziano affetto di Alzheimer, allontanatosi senza meta
14/11 1573732800 Quale sarà il futuro del parco Yitzhak Rabin, tra via Panama e Villa Ada?

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli