[X]
  [X]

Anticoli: "Pronta una Class Action"

La metro Barberini riapre a Natale, (Forse)

 il presidente delle Associazioni Roma Produttiva e Botteghe storiche di Roma Giulio Anticoli
il presidente delle Associazioni Roma Produttiva e Botteghe storiche di Roma Giulio Anticoli

“Se continua così, è probabile una class action”. Sono sul piede di guerra i commercianti del centro storico che operano nei pressi della metro Barberini, penalizzati dalla prolungata chiusura della stazione. Uno stop che dura dal 23 marzo scorso e non sembra destinato a risolversi a breve. Proprio in questi giorni Atac ha annunciato che la ripresa del servizio potrebbe andare oltre novembre per avvicinarsi al Natale. Se confermata, la notizia si tradurrebbe in un ulteriore danno per gli esercenti delle vie limitrofe, privati del principale mezzo di collegamento proprio nel periodo tradizionalmente dedicato alle spese per le festività.  Già nel mese di giugno, gli esercenti avevano inviato a Campidoglio e Atac una lettera di intimazione e messa in mora per sottolineare i danni economici legati alla chiusura della fermata della linea A. Ma non è escluso che i commercianti decidano di fare fronte comune. “Fino ad oggi, le azioni intentate per danni dagli esercenti verso Atac e il Comune sono state avviate in forma individuale. Si era ipotizzata una class action ed è possibile che si proceda in tal senso, se si continua ad arrecare danni così gravi al commercio in questo quadrante” spiega Giulio Anticoli, presidente delle associazioni Roma Produttiva e Botteghe storiche di Roma . “Parallelamente alla chiusura della fermata Barberini, è stata ampliata anche la Ztl nel centro storico. Invece di agevolare il passaggio delle persone, a fronte di un mancato servizio, si è creato un aggravante. È evidente che, se i canali di comunicazione e di accesso al centro vengono interrotti, automaticamente il commercio si blocca. È sempre stato così. Nell'antica Roma si costruivano le strade per facilitare il commercio. Nella Roma moderna, invece, si mettono degli ostacoli”. “Questa situazione svantaggia le attività produttive. L'ho fatto presente in Campidoglio e in particolare all'assessore al Commercio Carlo Cafarotti, con il quale sto lavorando per il piano di sviluppo economico della città. Stiamo vivendo una situazione paradossale nella quale da un lato si penalizza il commercio nel centro storico e, dall'altro, non si agevola nemmeno quello in periferia. Penso ad esempio ai cordoli su viale Libia. Tutto questo mentre continuano ad aprire centri commerciali”. “Nel centro storico il dilagare dei B&B ha messo alle porte i residenti e, allo stesso tempo, i negozi iniziano a entrare in difficoltà. Oggi incontriamo serrande abbassate in vie dove fino a pochi anni fa sarebbe stato impensabile. Escluse le poche vie del lusso, tutte le altre strade non sono più commercialmente interessanti. Se lo sviluppo economico è pensato solamente in favore di alcune caste, il negozio di vicinato sparirà” conclude Anticoli. Intanto, proseguono le indagini sulle cause dell'incidente a Repubblica e del guasto a Barberini. Quattro persone sono state iscritte nel registro degli indagati, due dipendenti di Metro Roma e due di Atac. I reati contestati sono quelli frode nelle pubbliche forniture e lesioni personali colpose aggravate.  La prima rimase chiusa per un mese e mezzo e riaprì lo scorso maggio. La seconda si avvia a battere questo record negativo. Ad oggi le scale mobili sono fuori servizio in numerose fermate dell'intera metropolitana di Roma: otto sulla linea A, sei sulla linea B e una sulla linea C. E in attesa che si faccia luce sulle responsabilità, si spengono le luci dei negozi. Barbara Laurenzi

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11/12 1576085040 Pesta la moglie per gelosia: la Polizia sequestra all'uomo la collezione di armi
10/12 1575984660 3 kg e 200 gr di marijuana sequestrati a Trastevere con 3 arresti ed 1 denuncia
10/12 1575984480 Nascondeva la droga negli slip: scattata la perquisizione anche nell'abitazione
10/12 1575983880 Rapina una donna anziana ma lascia un'impronta: scovato dai Carabinieri
10/12 1575975420 Ruba 14 bottiglie di whisky, per scappare ne lancia 1 verso lo staff del negozio
10/12 1575961560 Manifestazione dei lavoratori ArcelorMittal a Roma
10/12 1575954000 La rivolta della mensa: lavoratori in piazza
09/12 1575904620 Tenta di rubare l'incasso di un distributore di benzina armato di un estintore
09/12 1575903840 Operazione ad alto impatto: 3360 persone e 2546 veicoli controllati
09/12 1575903060 Lo prendono a calci e pugni in volto per sottrargli il portafoglio e fuggire
09/12 1575896340 Controlli ad alto impatto alla stazione termini: 10114 persone controllate
09/12 1575890820 Cassonetti ed auto a fuoco: immediato intervento e più controlli della Polizia
09/12 1575889200 Il Centro Anziani Laurentina, con ben 2018 iscritti, apre le porte al Caffè
09/12 1575882000 Riserva Naturale di Decima Malafede, in consiglio regionale per l'approvazione
09/12 1575879600 Incendio a Mostacciano: intervengono i vigili del fuoco
09/12 1575876360 Blatte, sporcizia, cibo confezionato mal surgelato: chiusi due locali a Colombo
09/12 1575875880 Accese le luci di Spelacchio a piazza Venezia: in migliaia hanno partecipato
09/12 1575875520 Donna al volante non si ferma all'alt dei carabinieri, trovata con la cocaina
09/12 1575874800 Il Parco del Tintoretto torna ad essere una realtà
09/12 1575867600 La decisione definitiva sull'acquario di Roma
09/12 1575867600 Pres. commissione Cultura: “Cultura e Turismo per il rilancio di Roma”
08/12 1575820800 Ponte di Nona, la rotonda la “adotta” un commerciante
08/12 1575806400 “Falcognana non si piega”: No alla discarica
08/12 1575802800 Stadio della Roma, a rischio fallimento una società di Parnasi
08/12 1575795600 Via Siderno, consegnato il Centro Polifunzionale

Sport


Inchieste
[+] Mostra altri articoli