[X]
  [X]

Chiesti 45,5 milioni di danni a Regione

Marino2, i costruttori: Parco Appia Antica va ristretto. Norma incostituzionale

Immagine al computer di alcune palazzine previste al Divino Amore nel mega progetto "Marino2"
Immagine al computer di alcune palazzine previste al Divino Amore nel mega progetto "Marino2"

Non solo ripristino del Programma “urbanistico” PRINT Ecovillage, non solo 280 milioni e 745mila euro di risarcimento danni chiesti al Comune di Marino. Ma anche restringere il Parco dell'Appia Antica, ampliato l'anno scorso con la legge regionale numero 7. Come? Chiedendo di trasmettere le carte alla Corte Costituzionale affinché stronchi la norma che allarga il Parco. Norma che fa svanire il mega intervento edilizio noto come “Marino2”, al Divino Amore. Lo chiedono nel loro agguerrito ricorso alla sezione seconda quater del Tar del Lazio i costruttori riuniti nel Consorzio Ecovillage, insieme a La Mole Due Srl, Cristina Srl, Futuro Immobil Italia Srl e Arcadia 2007. Con loro anche la Dea Capital Real Estate SGR Spa, che tramite il fondo IDeA Fimit Sviluppo punta ad un gigantesco centro commerciale. Hanno sollevato questione di costituzionalità: la norma contrasterebbe con alcuni canoni fissati nella carta fondamentale della nostra Repubblica: articoli 3 (uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge), 41 e 42 terzo comma, che tutelano iniziativa economica privata e proprietà privata, e 117, che disciplina la potestà legislativa regionale. 

“NORMA INCOSTITUZIONALE”
La norma contestata è l'articolo 7 delle legge 7/2018, il “collegato” alla legge di bilancio regionale votato dal Consiglio regionale nella travagliata seduta notturna tra il 24 e 25 settembre. Esso inserisce nei nuovi confini del Parco dell'Appia Antica anche la parte di Agro in zona Divino Amore. E quindi addio nuovo paesone “Marino2” da costruire di botto, secondo l'accordo Palozzi – Polverini partorito in epoca 2010- 2011. L'ampliamento del Parco sarebbe stato deciso contro i legittimi diritti acquisiti dai costruttori, contro diverse norme e persino contro la Costituzione. Se il Tar deciderà di sottoporre la faccenda ai giudici costituzionali, ne potrebbe derivare la sospensione del giudizio sul ricorso in attesa della decisione costituzionale. Se questa sarà a favore dei costruttori, la norma in questione dovrà essere cancellata e al Divino Amore si potrà costruire.

L'IRA CONTRO L'ENTE PARCO
La norma regionale che allarga il Parco e fa fuori il progettone Ecovillage, è arrivata a seguito di altre due mosse della Regione, dopo un tira e molla burocratico, tra fine ottobre e primi di novembre dell'anno passato. Prima l'Area VIA, Valutazione Impatto Ambientale, ha chiesto un parere all'Ente Parco dell'Appia Antica. Ha domandato se il mega-progetto era conforme con le norme di salvaguardia previste dalla legge regionale 29 del 1997, che disciplina le aree naturali protette, i monumenti naturali e i siti di importanza comunitaria. In pratica, se lì si poteva costruire oppure no. “A detta richiesta, l'Ente Parco rispondeva in pochi giorni con nota del 5 novembre 2018, asserendo (erroneamente) che l'edificabilità doveva ritenersi eslcusa [...]. Una celerità che desta stupore”, scrive in grassetto l'avvocato Raffaele Izzo, nei motivi aggiunti al ricorso depositati dalla Futuro Immoibil Italia e dall'Arcadia 2007. Sulla scorta di quel parere, la Regione ha ritenuto che anche sui terreni Ecovillage al Divino Amore sussista il vincolo di inedificabilità con il conseguente divieto a costruire. E quindi la seconda mossa: l'Area VIA regionale ha bocciato il PRINT Ecovillage negandogli la Valutazione Impatto Ambientale, bocciando così il progetto. 

CASA NEL PARCO SÌ, ECOVILLAGE NO: PERCHÉ?
Niente più palazzi né mega-centro commerciale, dunque. Ma secondo il legale di Futuro Immobiliare e Arcadia 2007 i diritti a costruire a loro favore si sarebbero “cristalizzati” nel lungo iter. I costruttori lamentano la disparità di trattamento rispetto al Print “La Casa nel Parco” in zona Mugilla vicno Gotto d'Oro. Da qui la presunta incostituzionalità: “In presenza di due Print limitrofi, incidenti sulla medesima area, contestualmente approvati e parimenti oggetto di protocollo d'intesa Regione – Comune quello delle odierne ricorrenti (Divino Amore) viene inserito nell'ampliamento del Parco, mentre l'altro (Mugilla) ne risulta invece escluso”. Sono due Print, Programmi integrati d'intervento urbanistico, “intimamente  collegati”, affermano le società. Perciò, si legge nel ricorso, “la Regione avrebbe dovuto escludere dall'ampliamento del Parco anche il Print Ecovillage e non soltanto quello di Mugilla”. Vietando di costruire sui terreni Ecovillage, “si avrebbe una sostanziale espropriazione dei beni in questione, frutto, nei fatti, di una legge provvedimento”, senza nemmeno l'indennizzo. Il 19 luglio ci sarà l'udienza innanzi ai giudici del Tar Lazio: se riterranno la questione di costituzionalità “rilevante e non manifestamente infondata”, la gireranno alla Corte costituzionale. 


Danni chiesti anche alla Regione
Il risarcimento chiesto al Municipio marinese dai promotori di Marino2 ammonta a 280 milioni e 745mila euro. Quasi sette volte le entrate di un anno nel bilancio comunale di Marino nel 2017 (41 milioni e 975mila euro). Oltre 45 milioni e mezzo sono chiesti anche alla stessa Regione Lazio, in solido. Cioè, in caso di condanna, se non paga il Comune, deve pagare la Regione stessa. 


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
11/12 1576085040 Pesta la moglie per gelosia: la Polizia sequestra all'uomo la collezione di armi
10/12 1575984660 3 kg e 200 gr di marijuana sequestrati a Trastevere con 3 arresti ed 1 denuncia
10/12 1575984480 Nascondeva la droga negli slip: scattata la perquisizione anche nell'abitazione
10/12 1575983880 Rapina una donna anziana ma lascia un'impronta: scovato dai Carabinieri
10/12 1575975420 Ruba 14 bottiglie di whisky, per scappare ne lancia 1 verso lo staff del negozio
10/12 1575961560 Manifestazione dei lavoratori ArcelorMittal a Roma
10/12 1575954000 La rivolta della mensa: lavoratori in piazza
09/12 1575904620 Tenta di rubare l'incasso di un distributore di benzina armato di un estintore
09/12 1575903840 Operazione ad alto impatto: 3360 persone e 2546 veicoli controllati
09/12 1575903060 Lo prendono a calci e pugni in volto per sottrargli il portafoglio e fuggire
09/12 1575896340 Controlli ad alto impatto alla stazione termini: 10114 persone controllate
09/12 1575890820 Cassonetti ed auto a fuoco: immediato intervento e più controlli della Polizia
09/12 1575889200 Il Centro Anziani Laurentina, con ben 2018 iscritti, apre le porte al Caffè
09/12 1575882000 Riserva Naturale di Decima Malafede, in consiglio regionale per l'approvazione
09/12 1575879600 Incendio a Mostacciano: intervengono i vigili del fuoco
09/12 1575876360 Blatte, sporcizia, cibo confezionato mal surgelato: chiusi due locali a Colombo
09/12 1575875880 Accese le luci di Spelacchio a piazza Venezia: in migliaia hanno partecipato
09/12 1575875520 Donna al volante non si ferma all'alt dei carabinieri, trovata con la cocaina
09/12 1575874800 Il Parco del Tintoretto torna ad essere una realtà
09/12 1575867600 La decisione definitiva sull'acquario di Roma
09/12 1575867600 Pres. commissione Cultura: “Cultura e Turismo per il rilancio di Roma”
08/12 1575820800 Ponte di Nona, la rotonda la “adotta” un commerciante
08/12 1575806400 “Falcognana non si piega”: No alla discarica
08/12 1575802800 Stadio della Roma, a rischio fallimento una società di Parnasi
08/12 1575795600 Via Siderno, consegnato il Centro Polifunzionale

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli