[X]
  [X]

Un impianto costruito a tempo di record

Dai rubinetti uscirà l'acqua del Tevere e i romani non lo sanno!

<
>
Il potabilizzatore acea. L'area adiacente al Tevere dove è stato costruito l'impianto, in Via Vitorchiano, zona Grottarossa
Il potabilizzatore acea. L'area adiacente al Tevere dove è stato costruito l'impianto, in Via Vitorchiano, zona Grottarossa
Il potabilizzatore acea. I 32 filtri a carboni attivi a cui l'Acea ha affidato il compito di depurare l'acqua del Tevere
Il potabilizzatore acea. I 32 filtri a carboni attivi a cui l'Acea ha affidato il compito di depurare l'acqua del Tevere

Acqua da bere dal “biondo” Tevere direttamente ai rubinetti di casa dei romani. L’Acea depurerà l’acqua del Tevere per dissetare Roma e altri 111 Comuni della Provincia. Parliamo del nuovo “potabilizzatore” dell’acqua del Tevere realizzato per servire l’Ambito Territoriale Ottimale A.T.O. 2 – Lazio Centrale – Roma, il più grande d’Italia, ampio oltre 5mila chilometri quadrati. Sarà il grande impianto di rinforzo che sostituirà il lago di Bracciano. Il potabilizzatore è costato 12 milioni e 700mila euro e avrà una portata di 500 litri di acqua al secondo, 43mila metri cubi al giorno. La struttura industriale è stata costruita nel corso della seconda metà del 2018 su un’ansa del fiume Tevere, nel XV Municipio di Roma, in località Grottarossa, proprio a ridosso del controverso depuratore Acea di Roma-nord, in passato oggetto di inchieste giudiziarie. Il potabilizzatore è stato realizzato al posto di un impianto preesistente denominato ‘Tevere Grottarossa 2’ che dagli anni ’90 succhiava acqua dal fiume, la chiarificava e ne ricavava acqua non potabile per annaffiare parchi e ville della Città eterna e del Vaticano. Il Tevere è uno dei fiumi più inquinati d’Italia dentro cui finiscono acque di fogna e reflui civili e industriali più o meno sanificati di quattro regioni: Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Lazio.

IL TEVERE AL POSTO DEL LAGO DI BRACCIANO
C’è da scommettere che nonostante la primavera piovosa, anche quest’anno la crisi idrica interesserà la Capitale soprattutto nei mesi di luglio e agosto.  Il nuovo potabilizzatore verrà utilizzato da Acea - così si legge tra le carte che il nostro giornale ha potuto visionare - soprattutto nei mesi estivi, giugno, luglio, agosto e settembre, per soddisfare il consumo idrico nel periodo di maggiore siccità. Ma anche per fornire un ulteriore apporto di acqua potabile a tutto il bacino Ato 2 in caso di bisogno nei restanti mesi dell’anno, in sostituzione dei prelievi dal lago di Bracciano. Prelievi che andavano avanti dal lontano 1990 e che sono stati bloccati a luglio 2017 dal Governatore del Lazio nonché Commissario dell’emergenza idrica regionale (mandato poi scaduto a febbraio scorso), Nicola Zingaretti, a causa del consistente abbassamento del livello dell’acqua nel cratere vulcanico di Bracciano determinato dalla grave crisi idrica che ha colpito il centro Italia.

PROGETTO LAMPO E VIE PREFERENZIALI
Il progetto è stato proposto da Acea il 13 dicembre 2017 e approvato, almeno in via preliminare, dopo appena sette giorni, il 20 dicembre successivo, dalla Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti delle Province, ovvero dai 112 Comuni serviti da Acea Ato 2, senza che nessuno battesse ciglio. Per di più assegnando al progetto, come richiesto dalla municipalizzata di Roma, la pubblica utilità: vale a dire una corsia preferenziale che garantisce tempi rapidi e poche ‘scocciature burocratiche’. Il 21 febbraio 2018 , poi, è stata convocata la Conferenza di servizi decisoria, ovvero il tavolo tecnico che il 13 aprile successivo ha dato l’ultimo e decisivo via libera al progetto, dopo una istruttoria lampo durata appena 51 giorni. Una velocità record, considerando la durata media di approvazione dei progetti pubblici e privati nel Lazio che supera ampiamente i 24 mesi, ma soprattutto tenendo conto delle innumerevoli criticità igienico-sanitarie e ambientali che incombono sul progetto. Al tavolo istituzionale hanno preso parte ed espresso parere favorevole: Comune di Roma, Asl Roma 2, Regione Lazio, Istituto Superiore di Sanità, Autorità di Bacino dell’Appennino Centrale, Ministero dei Beni Culturali e Autorità di Demanio. L’Unico Ente a chiamarsi fuori dal coro di “sì” ed a definirsi “non competente” è stato il Dipartimento di Tutela delle acque, suolo e risorse idriche della Città Metropolitana di Roma.

SAREBBE MEGLIO AGGIUSTARE LA RETE COLABRODO
Nel progetto di Acea per portare l'acqua del Tevere nei rubinetti dei romani, non si parla della necessaria e improcrastinabile risistemazione della rete idrica. Un colabrodo che nel Lazio si perde per strada circa il 49% dell’acqua immessa in conduttura (dati Regione Lazio): Acea dichiara di distribuire 361 milioni di metri cubi l'anno in Ato2. Ma quasi la metà, 176 milioni e 890mila metri cubi vanno dispersi. Dunque basterebbe evitare di disperdere poco meno del 9% di quanto viene attualmente immesso in rete per ottenere i 43 mila metri cubi al giorno di acqua potabile (di sorgente anziché di fiume zeppo di scarichi). Dunque un volume annuo pari a 15 milioni e 695mila metri cubi, che ora vogliono produrre trattando le acque del Tevere. La vera risistemazione delle reti dovrebbe essere avviata di pari passo anche con una svolta nella gestione politico-culturale dell’acqua potabile che non dovrebbe essere più usata per water, autolavaggi, uffici, industrie e agricoltura e per annaffiare i giardini etc. Nel progetto Acea non si parla nemmeno di una seria programmazione in grado di aumentare la portata e il livello del lago di Bracciano: convogliamento delle acque piovane, costruzione della dorsale di collegamento con il fiume Nerina, stop ai prelievi e pozzi abusivi in tutta l’area, etc. Gli Enti che hanno dato il via libera al potabilizzatore, principalmente la Regione Lazio e il Comune di Roma, non hanno nemmeno concertato con Acea un recupero più generale del fiume Tevere, come avvenuto nel recente passato per la Senna a Parigi o per il Tamigi a Londra.

IL RISANAMENTO PUÒ ATTENDERE
Una operazione di risanamento ambientale che richiederebbe tempo e risorse, ma che permetterebbe l’individuazione e la bonifica di tutti gli scarichi civili e industriali che sversano nel fiume per migliorare la qualità delle acque. Attività, queste, associate di solito anche alla reintroduzione di flora e fauna acquatica, alla creazione di aree verdi tutelate, al ripristino degli argini spesso oggetto di abusivismo e degrado. Operazioni che, entro certi limiti, hanno permesso di rendere di nuovo balneabili anche i fiumi che attraversano le grandi capitali europee. 

Ma del resto per certi amministratori e lobby è più facile ricorrere alla solita emergenza che facilita il lavoro di tutti: politici, dirigenti regionali e comunali, burocrati ministeriali, tecnici privati e aziende appaltatrici. Ma non ai cittadini. Per riparare le reti, occorrerebbero tempi biblici, per dare da bere il Tevere alla gente, sono stati ‘supersonici’: il 14 marzo 2018 Acea aveva già “chiuso le procedure di affidamento dei lavori del potabilizzatore”, dice un documento ufficiale. Cioè, prima ancora che si concludesse la Conferenza dei servizi e prima che le Autorità pubbliche avessero completato il vaglio del progetto e dato l’ok. 

COME VERIFICHERANNO LA POTABILITÀ?
Il cantiere si è concluso a novembre 2018, anche se l’impianto ancora non è entrato in funzione. La ‘silenziosa’ presentazione si è tenuta il 12 dicembre 2018, nel quartier generale Acea, in piazzale Ostiense, a Roma. Il giorno dopo, gita per pochi intimi all'impianto, in località Grottarossa. Il gestore ha portato i fortunati invitati in via Vitorchiano, su un'ansa del Tevere a Roma nord. All'evento non c'era la Regione Lazio, che pure ha curato buona parte dell'iter con l'ingegner Mauro Lasagna. C'erano invece alcuni esponenti delle Autorità di vari ambiti idrici di Lazio e Toscana, l’Asl Roma 2, l’Agenzia regionale protezione ambientale del Lazio, la Asl di Milano. Finora nessuna autorità di salute pubblica ha fornito dati precisi, chiari ed esaustivi su come monitoreranno la qualità delle acque del Tevere da far bere alla popolazione.
Per gennaio 2019 è attesa l'entrata in funzione.


Muti i politici comunali e regionali
Amministratori comunali, politici regionali e dirigenti di Acea si sono cuciti la bocca sul potabilizzatore del fiume Tevere. Eppure i rischi igienico sanitari dell’intera operazione sono fin troppo evidenti. Tra l’altro, l’impianto è stato approvato mentre la municipalizzata era guidata dall'ex presidente di Acea, l'avvocato Luca Lanzalone, mandato dai vertici nazionali del 5Stelle ad assistere la sindaca Raggi sul pasticcio del nuovo stadio della Roma, e poi arrestato. Era stato nominato anche Vicepresidente di Utilitalia (la lobby dei gestori idrici, energetici e dei rifiuti): in tale doppia veste Lanzalone non ha comunque detto nulla riguardo il potabilizzatore alla Commissione Ambiente della Camera dei deputati, dove il 1° agosto scorso lo hanno sentito nel corso della “indagine conoscitiva sull'emergenza idrica e sulle misure necessarie per affrontarla”. Eppure l’impianto era già in fase avanzata di progettazione. Lo dice anche un documento dello stesso 1° agosto 2017, firmato dall’allora capo della Segreteria tecnico operativa dell’Ambito idrico romano: il documento descrive il “potabilizzatore” come “pilastro fondamentale dell’azione necessaria per fronteggiare l’emergenza in atto e altresì per scongiurare future nuove emergenze”. 


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:06 1558512360 Estorsione aggravata da metodo mafioso, in manette un altro Casamonica
09:15 1558509300 Ostia ancora senza bagnini per le spiagge libere
08:50 1558507800 Mafia Capitale, per i giudici "Alemanno favorì Buzzi", il patron delle Coop
08:11 1558505460 San Lorenzo, Forza Nuova annuncia un sit-in per sabato in ricordo di Desirée
08:05 1558505100 Dopo 40 giorni, alla ciclabile di via Lemonia (VII Municipio) vengono le bolle
07:54 1558504440 Metro Flaminio, ferme le scale mobili. Si sale e scende a piedi con quelle fisse
07:43 1558503780 Alberi pericolanti in aumento, la denuncia dei Municipi: 50mila a rischio crollo
21/05 1558438260 120 ovuli (6mila dosi) 'nascosti' nello stomaco: arrestato un 24 enne nigeriano
21/05 1558429500 Musei Vaticani, promoters litigano per accaparrarsi clienti: 8 denunce per rissa
21/05 1558422840 Pusher 37enne nascondeva 25 panetti di hashish nelle cartelline portadocumenti
21/05 1558422540 Ristoratore ricettava biciclette elettriche rubate: denunciato dai Carabinieri
21/05 1558418880 Rapina a mano armata al distributore di benzina vicino la città giudiziaria
21/05 1558417620 Sgominata banda di 18 narcotrafficanti, l'operazione 'Re Mida' della Finanza
21/05 1558417200 Mafia Capitale: ex capo Gabinetto, Maurizio Venafro, condannato ad un anno
21/05 1558416720 Ncc, accese proteste davanti al Ministero, tensioni con Polizia e passanti
20/05 1558368000 Tragico incidente sulla via Ardeatina a Santa Palomba, morta una donna
20/05 1558363020 Internazionali di tennis, tre bagarini finiscono nei guai
20/05 1558356600 Titolare di una bar fa arrestare il suo stalker, arrestato dai Carabinieri
20/05 1558346340 Due topi d’appartamento sorpresi in flagrante dalla Polizia: arrestati entrambi 
20/05 1558342980 Torre Maura, figlio violento spara all'auto del padre con il fucile del nonno
20/05 1558336800 Ztl centro storico: slitta la chiusura alle 20,00. Pesa la 'crisi' dei trasporti
20/05 1558334580 Bersaglieri per le strade e piazze di Roma per festeggiare i 150 della Capitale
20/05 1558333200 Notte dei Musei 2019, 60mila cittadini 'invadono' la Capitale
20/05 1558332420 Tecnico-radiologo bacia la paziente con la forza: indagato per violenza sessuale
20/05 1558331760 Prelievi in banca con il bancomat del ciclista travolto sulla Tiburtina

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli