[X]
  [X]

La visita al Castello della Cecchignola

Il Re del Castello… apre le porte al Caffè

l'Architetto Dario Del Bufalo davanti al suo Castello
l'Architetto Dario Del Bufalo davanti al suo Castello

Quella che stiamo per raccontarvi è una storia di torri merlate, pure sorgenti d’acqua, cavalieri templari, nobili famiglie romane, estati dorate di Papi più o meno ricchi, debiti e principesche riscossioni, antiche planimetrie e artistici restauri d’un luogo incantato. Non sempre le favole iniziano con c’era una volta in un regno lontano. Questa la racconta al Caffè di Roma il prof. Dario Del Bufalo, architetto, collezionista e massimo esperto di marmi antichi e colorati, che nel 2003 ha rilevato e ristrutturato il Castello della Cecchignola.  “Abbiamo presentato un progetto di restauro al Ministero dei Beni e Attività Culturali – dice -  e sotto la sorveglianza della Sovrintendenza abbiamo eseguito lavori fondamentali: i tetti erano tutti rovinati, alcuni cadenti, molti dei serramenti non esistevano. E’ stato un restauro importante. All’inizio la Sovrintendenza era molto critica e attenta ma, dopo il primo anno di lavoro insieme, hanno capito che lavoravamo anche meglio dei loro standard, usando calci antiche, calci spente, pozzolane e tufi della zona, rispettando molto il tipo edilizio”. Sembra un biondo re celtico l’architetto, appartenente all’antica famiglia dei conti Del Bufalo, che inizia così il suo racconto: “il castello era un vecchio castrum romano di servizio alla torre, all’interno della torre alta 50 metri e ben visibile, c’è una torretta romana di quattro metri per quattro, il cuore su cui sono state poi montate altre strutture. La torre romana era parte del sistema turrito militare di difesa, come tutte le torri dell’impero romano. Questa era Tor Cicognola ed era collegata a Tor Carbone, a Tor Pagnotta, tutte in portata ottica o acustica una con l’altra”. E poi? “Poi, con il disgregamento dell’impero romano, nel medioevo ci sono state le guerre baronali, le guerre fra bande, e qui si sono rifugiate alcune famiglie. Nel 1200 è stato anche sede dei cavalieri templari dell’ordine di Gerusalemme. La particolarità di questo castrum, rispetto a tante altre torri romane che sono state abbandonate, è che qui c’era l’acqua: qui sotto c’è una sorgente di acqua potabile che arriva dai Castelli, praticamente minerale. Fu il Duce a tagliare l’acqua che entrava in questo laghetto peschiera, tanto promosso dalla famiglia Margana di Roma alla metà del 1400, e ai bordi del quale ha vissuto per lungo tempo il cardinal Bessarione. Nel 1938 quest’acqua fu incanalata e portata ad alimentare il laghetto dell’Eur.” E’ dunque in virtù d’una magica sorgente che questa dimora fu per secoli oggetto di premura e dedizione. “Tante famiglie si sono succedute alla proprietà, al mantenimento e all’allargamento delle corti e delle costruzioni del castello, per cui - continua l’architetto - parlavo prima dei Margana, famiglia romana che ha avuto per quasi un secolo questa proprietà, poi ci sono stati i Colonna ed i Borghese con Paolo V.  Quest’ultimo la acquistò nel 1615 con soldi propri e, con l’aiuto del cardinal nipote Scipione, fece lavorare qui i grandi architetti del tempo, contribuendo al restauro e all’imbellimento di tutta la proprietà. Poi i Pamphili che qui avevano la residenza estiva e produttiva agricola e nelle grotte avevano i vini che non riuscivano a tenere a Roma. Papa Leone XII della Genga intorno al 1810-15 usò questa dimora come residenza estiva e luogo di caccia. Non era ricco come i Borghese, per cui la fece comprare al Vaticano. Proprio negli archivi segreti vaticani – si interrompe l’architetto Del Bufalo - ho ritrovato dei documenti molto importanti: mappe, planimetrie, vedute a volo d’uccello molto belle che mi hanno aiutato per i restauri.” I Torlonia, infine, per aver prestato alla Chiesa i fondi per difendersi da Napoleone, dopo la liberazione, “bussarono in Vaticano e dissero - beh! Ridateci questi soldi con gli interessi - ed è stata la grande fortuna dei Torlonia, per cui ricevettero questa come tante altre proprietà qui a sud di Roma”. Laddove, per principio o per magia, ciascuno cooperò per raggiungere armonia e magnificenza, oggi vive il nostro narratore, promuove eventi culturali e, una volta al mese, nella bella stagione apre al pubblico la porta del castello. “C’è una biblioteca – aggiunge  -  che era la mia biblioteca. Sono 5000 volumi tutti specifici sull’arte e l’architettura di pietre e marmi, e la si può venire a consultare su appuntamento, ci sono anche libri molto rari su questo argomento”.  Giunti all’ultima pagina di questa lunga storia, resta il dubbio che qualcosa sia sfuggito, e che dal buco della serratura si possa osservar meglio, ciò che al primo sguardo va perduto. In lontananza appare, soltanto a chi ha nel cuore la leggenda, una spada appoggiata su una tavola rotonda. Perciò a piè di pagina, per non dimenticare, annotiamo quanto vi fu inciso e mai ebbe fine: “nel servirci l’un l’altro diveniamo liberi”. Patrizia D. Artemisio

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:06 1558512360 Estorsione aggravata da metodo mafioso, in manette un altro Casamonica
09:15 1558509300 Ostia ancora senza bagnini per le spiagge libere
08:50 1558507800 Mafia Capitale, per i giudici "Alemanno favorì Buzzi", il patron delle Coop
08:11 1558505460 San Lorenzo, Forza Nuova annuncia un sit-in per sabato in ricordo di Desirée
08:05 1558505100 Dopo 40 giorni, alla ciclabile di via Lemonia (VII Municipio) vengono le bolle
07:54 1558504440 Metro Flaminio, ferme le scale mobili. Si sale e scende a piedi con quelle fisse
07:43 1558503780 Alberi pericolanti in aumento, la denuncia dei Municipi: 50mila a rischio crollo
21/05 1558438260 120 ovuli (6mila dosi) 'nascosti' nello stomaco: arrestato un 24 enne nigeriano
21/05 1558429500 Musei Vaticani, promoters litigano per accaparrarsi clienti: 8 denunce per rissa
21/05 1558422840 Pusher 37enne nascondeva 25 panetti di hashish nelle cartelline portadocumenti
21/05 1558422540 Ristoratore ricettava biciclette elettriche rubate: denunciato dai Carabinieri
21/05 1558418880 Rapina a mano armata al distributore di benzina vicino la città giudiziaria
21/05 1558417620 Sgominata banda di 18 narcotrafficanti, l'operazione 'Re Mida' della Finanza
21/05 1558417200 Mafia Capitale: ex capo Gabinetto, Maurizio Venafro, condannato ad un anno
21/05 1558416720 Ncc, accese proteste davanti al Ministero, tensioni con Polizia e passanti
20/05 1558368000 Tragico incidente sulla via Ardeatina a Santa Palomba, morta una donna
20/05 1558363020 Internazionali di tennis, tre bagarini finiscono nei guai
20/05 1558356600 Titolare di una bar fa arrestare il suo stalker, arrestato dai Carabinieri
20/05 1558346340 Due topi d’appartamento sorpresi in flagrante dalla Polizia: arrestati entrambi 
20/05 1558342980 Torre Maura, figlio violento spara all'auto del padre con il fucile del nonno
20/05 1558336800 Ztl centro storico: slitta la chiusura alle 20,00. Pesa la 'crisi' dei trasporti
20/05 1558334580 Bersaglieri per le strade e piazze di Roma per festeggiare i 150 della Capitale
20/05 1558333200 Notte dei Musei 2019, 60mila cittadini 'invadono' la Capitale
20/05 1558332420 Tecnico-radiologo bacia la paziente con la forza: indagato per violenza sessuale
20/05 1558331760 Prelievi in banca con il bancomat del ciclista travolto sulla Tiburtina

Sport


Inchieste
[+] Mostra altri articoli