[X]
  [X]

Guerra tra Città Metropolitana e Regione

Il Piano di Tutela delle Acque del Lazio fa... acqua: i politici grandi assenti

<
>
Raggi e Zingaretti - Sul Piano di Tutela delle Acque del Lazio c'è un accordo tra i due amministratori?
Raggi e Zingaretti - Sul Piano di Tutela delle Acque del Lazio c'è un accordo tra i due amministratori?
TEVERE DA BERE, IL POTABILIZZATORE ACEA - L'impianto industriale è situato in località Roma-nord: è costato 12,7 milioni di ?
TEVERE DA BERE, IL POTABILIZZATORE ACEA - L'impianto industriale è situato in località Roma-nord: è costato 12,7 milioni di ?

Al Tribunale Amministrativo Regionale è in corso una guerra giudiziaria senza esclusione di colpi tra la Città Metropolitana e la Regione Lazio. Uno scontro molto duro che riguarda la qualità dell'acqua potabile che verrà distribuita nei rubinetti di oltre 4 milioni su 6 milioni di cittadini residenti nel Lazio, oltre che sulla qualità del mare dei 330 chilometri di coste laziali per i prossimi decenni. Eppure amministratori e politici nazionali, regionali e locali hanno la bocca cucita e non si sono nemmeno presentati in aula. Ma riavvolgiamo il nastro di questa  storia per capire di cosa stiamo parlando. Poco prima di Natale la Commissione regionale Agricoltura e Ambiente, presieduta dal pentastellato Valerio Novelli, ha varato due piccole ma importantissime modifiche del Piano di Tutela delle Acque del Lazio, la legge che disciplina l’intero settore idrico regionale, poi votate dall’intero Consiglio. Il 15 febbraio scorso la Città Metropolitana di Roma ha presentato un ricorso al Tar del Lazio contro tali  modifiche. La prima udienza si è tenuta lo scorso 2 aprile.

IL TAR DECIDE DI NON DECIDERE, PER ORA
La Città Metropolitana ha chiesto di annullare la validità delle nuove disposizioni di legge che riguardano, per l’appunto, la qualità delle acque potabili distribuite nella rete idrica di Roma e provincia e dei reflui fognari che finiscono a mare. La ex Provincia di Roma ha presentato ai togati anche una richiesta di istanza cautelare, così si chiama in gergo tecnico. Vale a dire che ha chiesto ai giudici di sospendere sin da subito la validità delle nuove disposizioni di legge, in attesa della sentenza di primo grado. I tre magistrati della sezione prima quater, Salvatore Mezzacapo, Donatella Scala e Ines Pisano hanno respinto, almeno per il momento, le richieste della Città Metropolitana ed hanno rinviato la trattazione della vicenda all’udienza di merito nel corso della quale si discuterà in modo più approfondito ed esteso del ricorso stesso, udienza che è attesa entroqualche settimana. Il timore dei giudici, così hanno scritto, era di determinare altrimenti un pericoloso “vuoto di regolamentazione, sia pure pro tempore (ovvero per un breve lasso di tempo, ndr)”.

PRESENTI E ASSENTI
Oltre alla Regione Lazio, la Città Metropolitana ha chiamato in giudizio anche l'Acea (municipalizzata dell’acqua di Roma), il Ministero dell'Ambiente, l'Arpa Lazio (Agenzia Regionale di Protezione Ambientale), le Province di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti ed i Comuni di Ardea e Ciampino (tra quelli in cui viene distribuito il nostro giornale) oltre ad altri 7 municipi. Ma a presentarsi in giudizio e ad attaccare la Città Metropolitana sono stati solo la Regione Lazio e l'Acea. L’Acea in particolare è stata definita da fonti autorevoli de il Caffè che preferiscono non comparire come “agguerritissima”. 

L’ ACEA PORTA IL TEVERE NEI RUBINETTI DI ROMA E PROVINCIA
La prima modifica al Piano di Tutela delle Acque contro cui si è scagliata la Città Metropolitana riguarda l'articolo 12. Articolo che nella versione originale non permetteva di utilizzare a fini potabili le acque dei fiumi in cui finiscono reflui industriali, tra i quali figura il Tevere. La 'nuova' versione prevede ora che tale divieto si continuerà ad applicare, ma “solo nelle zone di influenza - riporta il nuovo testo di legge - individuate con deliberazione della Giunta regionale, per ogni punto di prelievo per il quale si rilascia concessione per l’utilizzo di acque superficiali potabilizzate da destinare al consumo umano”. In altre parole, il divieto di potabilizzare le acque di fiume in cui finiscono reflui industriali si applicherà, ma solo nelle zone gradite ai politici.

TEVERE DA BERE, ACEA È NERVOSA
Una postilla di legge che sembra fatta apposta per far entrare in funzione il potabilizzatore dell'acqua del Tevere di Acea. Il grosso impianto industriale a cui la municipalizzata romana a trazione 5 Stelle ha affidato il compito di succhiare 500 litri di acqua al secondo da uno dei fiumi più inquinati d'Italia. Acqua che poi l'Acea distribuirà nei rubinetti di tutto il bacino Ato 2, che corrisponde a tutta la città di Roma e all'intera provincia, ovvero 112 comuni tra i quali tutti quelli dei Castelli Romani, più Ardea e Pomezia. Il potabilizzatore è stato ideato, progettato e autorizzato in soli 127 giorni. Il progetto del potabilizzatore è nato nel dicembre 2017, quando alla guida della municipalizzata della città eterna c'era l'avvocato Luca Lanzalone, scelto dai vertici nazionali del 5Stelle. Lanzalone ha assunto la guida dell’Acea il 1° aprile 2017, ma il 13 giugno 2018 è stato arrestato nell'ambito dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma. Il progetto del 'potabilizzatore' è stato approvato, almeno in via preliminare,  il 20 dicembre 2017, nel corso della Conferenza dei Sindaci e dei Presidenti delle Province, ovvero dai 112 comuni serviti da Acea Ato 2. Conferenza guidata proprio dalla città eterna, visto che rappresenta la maggioranza dei cittadini che vivono tra Roma e provincia. Al progetto è stato anche assegnata la pubblica utilità: vale a dire una corsia preferenziale che garantisce tempi rapidi de poche scocciature burocratiche. 

ACCORDO RAGGI - ZINGARETTI?
Il 13 aprile 2018 è arrivato l'ultimo e decisivo via libera al potabilizzatore dell’Acea da parte della Conferenza dei Servizi, il tavolo istituzionale che si è tenuto in Regione Lazio, dopo una istruttoria lampo di appena 51 giorni. A dire “sì” al potabilizzatore non è stato però solo il Comune di Roma, ma anche la Regione Lazio con il parere unico positivo scritto e sottoscritto dall'ex capo del settore idrico regionale, l’ingegner Mauro Lasagna, spostato poco dopo dal Governatore, Nicola Zingaretti, al Dipartimento regionale Caccia e Pesca. Parere favorevole al progetto anche da parte di: Asl Roma 2, Istituto Superiore di Sanità, Autorità di Bacino dell'Appennino Centrale, Ministero dei Beni Culturali e Autorità di Demanio. L'impianto è situato a Roma-nord, in località Grottarossa. È costato quasi 13 milioni di euro. 

NESSUNO VUOLE CONTROLLARE I DEPURATORI
La seconda modifica apporatta dalla Regione al Piano di Tutela dell Acque riguarda invece l'articolo 32 che nella sua 'nuova' formulazione permetterà in sostanza di effettuare i controlli sulla qualità della acque in uscita dai depuratori, ma solo “nell'unico punto finale di scarico dell'impianto” e solo con “campionamenti istantanei”, così si legge nelle nuove disposizioni regionali. Un obbligo che alla Città Metropolitana proprio non va giù visto che l'ex Provincia chiedeva da tempo, al contrario, di poter effettuare le analisi di controllo delle acque sia in entrata che in uscita dai depuratori  e non solo con campionamenti mobili ed istantanei, quindi effettuati di rado e solo nel corso di appositi controlli, ma anche con l'ausilio di campionatori fissi,  in grado di svolgere un'analisi dei liquami in modalità no-stop, quindi nell'arco delle 24 ore. I campionatori fissi sono degli apparecchi elettronici che permettono di verificare con estrema precisione i processi di depurazione dell'acqua. Rilevano e registrano qualsiasi inquinante, senza possibilità di inganno. In soldoni, anziché stringere le maglie dei controlli sui depuratori per cercare di migliorare la qualità delle acque che finiscono in mare, i politici regionali hanno preferito lasciare campo libero ai gestori degli impianti di depurazione.


I grandi assenti al Tar del Lazio
Su questo tema inviamo domande specifiche, alle quali speriamo ci risponderanno, a Sergio Costa, Ministro dell'Ambiente; Marco Lupo, direttore di Arpa Lazio; Mario Savarese, sindaco di Ardea; Raffaela Moscarella, commissaria prefettizia di Ciampino; Carlo Medici, presidente della Provincia di Latina. Perché l’Ente che rappresenta non si è presentato al Tar del Lazio nel giudizio promosso dalla Città Metropolitana di Roma contro le modifiche apportate di recente dalla Regione al Piano di Tutela delle Acque? È convinto della bontà delle recenti modifiche apportate al Piano di Tutela delle Acque? Come farà il potabilizzatore Acea a togliere idrocarburi, metalli pesanti e microplastiche dalle acque del Tevere che verranno distribuite nei rubinetti di oltre 4 milioni di cittadini? Non crede che anziché avviare il potabilizzatore del Tevere, l’Acea dovrebbe prima riparare le condotte idriche colabrodo? Perchè la Regione Lazio e l’Acea sono così contrari a controlli più stringenti sui depuratori? 


 

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
09:15 1558509300 Ostia ancora senza bagnini per le spiagge libere
08:50 1558507800 Mafia Capitale, per i giudici "Alemanno favorì Buzzi", il patron delle Coop
08:11 1558505460 San Lorenzo, Forza Nuova annuncia un sit-in per sabato in ricordo di Desirée
08:05 1558505100 Dopo 40 giorni, alla ciclabile di via Lemonia (VII Municipio) vengono le bolle
07:54 1558504440 Metro Flaminio, ferme le scale mobili. Si sale e scende a piedi con quelle fisse
07:43 1558503780 Alberi pericolanti in aumento, la denuncia dei Municipi: 50mila a rischio crollo
21/05 1558438260 120 ovuli (6mila dosi) 'nascosti' nello stomaco: arrestato un 24 enne nigeriano
21/05 1558429500 Musei Vaticani, promoters litigano per accaparrarsi clienti: 8 denunce per rissa
21/05 1558422840 Pusher 37enne nascondeva 25 panetti di hashish nelle cartelline portadocumenti
21/05 1558422540 Ristoratore ricettava biciclette elettriche rubate: denunciato dai Carabinieri
21/05 1558418880 Rapina a mano armata al distributore di benzina vicino la città giudiziaria
21/05 1558417620 Sgominata banda di 18 narcotrafficanti, l'operazione 'Re Mida' della Finanza
21/05 1558417200 Mafia Capitale: ex capo Gabinetto, Maurizio Venafro, condannato ad un anno
21/05 1558416720 Ncc, accese proteste davanti al Ministero, tensioni con Polizia e passanti
20/05 1558368000 Tragico incidente sulla via Ardeatina a Santa Palomba, morta una donna
20/05 1558363020 Internazionali di tennis, tre bagarini finiscono nei guai
20/05 1558356600 Titolare di una bar fa arrestare il suo stalker, arrestato dai Carabinieri
20/05 1558346340 Due topi d’appartamento sorpresi in flagrante dalla Polizia: arrestati entrambi 
20/05 1558342980 Torre Maura, figlio violento spara all'auto del padre con il fucile del nonno
20/05 1558336800 Ztl centro storico: slitta la chiusura alle 20,00. Pesa la 'crisi' dei trasporti
20/05 1558334580 Bersaglieri per le strade e piazze di Roma per festeggiare i 150 della Capitale
20/05 1558333200 Notte dei Musei 2019, 60mila cittadini 'invadono' la Capitale
20/05 1558332420 Tecnico-radiologo bacia la paziente con la forza: indagato per violenza sessuale
20/05 1558331760 Prelievi in banca con il bancomat del ciclista travolto sulla Tiburtina
20/05 1558331220 Guerriglia urbana prima di Lazio-Atalanta: un video incastra gli Irriducibili

Sport
< <


Inchieste
[+] Mostra altri articoli