[X]
  [X]

Dopo i 2 incendi ai centri di raccolta

Ama alla ricerca di una discarica primavera-estate

Discarica di Malagrotta - Chiusa dall'ex sindaco Marino ad ottobre 2015
Discarica di Malagrotta - Chiusa dall'ex sindaco Marino ad ottobre 2015

Non parliamo di una collezione di moda, ma di rifiuti. Ama è alla ricerca 'disperata' di una discarica da utilizzare per smaltire i rifiuti indifferenziati della Capitale il periodo che va dalla fine della primavera a tutta la prossima estate, ovvero per i mesi di: maggio, giugno, luglio e agosto, il periodo dell'anno in cui (insieme a Natale) si produce più spazzatura urbana. Tra l'altro, quest'anno le difficoltà per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti partiranno una decina di giorni prima del solito, a causa del lunghissimo ponte che partirà dalla settimana Santa (Pasqua è il 21 aprile) per arrivare fino al 1° maggio. Nella sede di Ama è allarme rosso, dopo i due incendi che hanno completamente distrutto il centro Salario e semi-distrutto quello di Rocca Cencia e che hanno messo a dura prova il sistema di gestione, trattamento e smaltimento dei rifiuti della città eterna. Tra l'altro, la municipalizzata è ancora in attesa che venga nominato il nuovo consiglio di amministrazione: oggi Virginia Raggi potrebbe confrontarsi con la sua maggioranza sui nuovi membri da inserire nel Cda. 

IN CRISI ENTRO QUALCHE SETTIMANA
Con una produzione giornaliera di rifiuti indifferenziati che arriverà a superare le 3.300 tonnellate al giorno, la capacità di smaltimento attuale della Capitale diventerà totalmente insufficiente entro qualche settimana, con un'eccedenza che potrebbe sfiorare le 500 tonnellate giornaliere. A meno di nuove 'transumanze' in siti lontani dalla Capitale, le discariche che hanno ancora spazio disponibile nell'area romana sono sostanzialmente due: quella di Malagrotta - chiusa dall'ex sindaco Marini anni fa - che avrebbe ancora una capacità residua di circa 250 mila tonnellate; e quella di Albano-Roncigliano, chiusa da giugno del 2016 a causa di uno spaventoso incendio, che potrebbe ancora ospitare circa 200mila tonnellate di rifiuti nel VII invaso. Ma, in entrambi i casi, servirebbe un atto formale della Città metropolitana, guidata sempre a Virginia Raggi.

ALBANO ALZA LA VOCE: «PRONTI ALLE BARRICATE»
Il Comune di Albano, per bocca del delegato ai rifiuti comunale Luca Andreassi, stoppa l'ipotesi di riapertura della discarica di Albano-Roncigliano. Ama, la municipalizzata dei rifiuti di Roma, è alla ricerca disperata di una discarica da utilizzare per interrare i rifiuti della Capitale nel periodo che va dagli ultimi giorni di aprile, inizio maggio, e fino al mese di settembre. E nei pensieri della sindaca di Roma, Virginia Raggi, ci sarebbe proprio l'ipotesi di riaprire la discarica albanense. Ipotesi rilanciata anche da alcuni giornali nazionali. "La discarica di Roncigliano - spiega il delegato Andreassi - è autorizzata come discarica di servizio del vicino impianto di trattamento meccanico e biologico. Impianto che, come è noto, non esiste più, distrutto dall’incendio dell’estate 2016. Aggiungo che, quando divampò l’incendio, era in corso la Conferenza dei Servizi indetta dalla Regione Lazio per la revisione/revoca dell’Autorizzazione Integrata Ambientale. Conferenza dei servizi che non si è mai conclusa. Per di più erano emerse una serie di prescrizioni che il proprietario avrebbe dovuto rispettare per avere l’autorizzazione rinnovata. Quindi qualora la discarica di Roncigliano fosse davvero nei pensieri della Sindaca Raggi, non credo basterebbe un atto formale della Città Metropolitana ma servirebbe anche la predisposizione di un nuovo impianto autorizzativo da parte della Regione Lazio. Dunque - aggiunge - se le leggi e le normative in materia hanno ancora un valore, vedo questo percorso molto complicato. Credo sia addirittura superfluo affermare che, come Comune di Albano, vigileremo attentamente su quanto accadrà e siamo, naturalmente, pronti alle barricate. Voglio, però, aggiungere qualche riflessione. Mi auguro che nei pensieri della Sindaca, anziché queste pazze idee, ci siano delle riflessioni sul fatto che, secondo il piano industriale proposto a fine 2018 al Comune di Roma dall’AMA, oggi, anziché cercare discariche perché non si sa dove mettere l’indifferenziato di Roma, si sarebbe dovuto avviare l’iter realizzativo per la realizzazione di 7 nuovi centri di raccolta e riciclo, di un impianto moderno di recupero materia dai rifiuti indifferenziati, di due impianti moderni di separazione di metalli e singoli polimeri dalla raccolta differenziata ed avviare la realizzazione di due impianti di compostaggio. Sempre secondo quel piano, la raccolta differenziata avrebbe dovuto raggiungere 800.000 abitanti, portando Roma a circa il  50%.  Oggi, invece, abbiamo una situazione identica se non peggiore rispetto a quella di un anno fa. Con, in più, AMA sull’orlo del fallimento. Fossi la Sindaca, anziché pensare a Roncigliano - conclude il delegato ai rifiuti del Comune di Albano - penserei ai disastri che sta combinando".

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:09 1582535340 Eur, coltivazione casalinga di marijuana: sequestrate centinaia dosi di hashish
10:01 1582534860 Corso Francia, tavolo tecnico tra Municipio XV e Comune
09:42 1582533720 10 arresti ed oltre 1 kg di droga: controlli in tutta la Capitale
09:26 1582532760 Abusa di alcool e psicofarmaci, aggredisce il padre e la figlia con un coltello
08:57 1582531020 "Vi ammazzo tutti", armato di mazza e coltelli contro i parenti a Trastevere
08:35 1582529700 Sicurezza della Valle Aurelia: denunce per droga, rissa e invasioni di edifici
08:17 1582528620 Metro A Manzoni, un uomo si getta tra i binari. Bloccata la linea
08:00 1582527600 Salvi i Villini Liberty, “ora il Comune dia le sue regole”
08:00 1582527600 Politiche di genere, nel III nasce una rete territoriale
06:00 1582520400 Ass. alle infrastrutture: “100 milioni per sistemare le strade della Capitale”
23/02 1582477200 Illegittima la vendita di 5mila case popolari?
23/02 1582470000 Il “Punto Salvamamme” si trasferisce a Talenti
23/02 1582459200 Riconosciuto il lavoro svolto nelle coop per i punteggi nei concorsi
23/02 1582455600 Sanità: poche assunzioni e troppe coop
23/02 1582449540 Coronavirus, stop a gite scolastiche dentro e fuori l'Italia
23/02 1582448400 Respinto al catechismo perché disabile
23/02 1582441200 Giù le mani dal Teatro della Dodicesima
23/02 1582434000 Vigna Clara, è imminente la riapertura della stazione
22/02 1582383600 Riaperta al traffico via Riserva della Torretta
22/02 1582372800 Sequestrata discarica abusiva con rifiuti pericolosi
22/02 1582369200 Giornalisti, ferma la legge anti-intimidazioni
22/02 1582368540 Arrestata sul Raccordo una banda di ladri in trasferta da Ardea alla Capitale
22/02 1582362060 Ad Ottavia il 1° centro antiviolenza per donne del XIV
22/02 1582354800 Termini-Centocelle, “ora tavolo interistituzionale”
22/02 1582347600 Vicepresidente della Comm. Ambiente: “La Lega sarà il primo partito del Lazio”

Sport
< <

annientamento di luoghi socioculturali

Giù le mani dal Teatro della Dodicesima

annientamento di luoghi socioculturali

Lo abbiamo scritto su questa pagine di quanto sia fallimentare, rinunciataria, miope la politica culturale romana, così lontana...


Inchieste
[+] Mostra altri articoli