[X]
  [X]

Accordo tra la Raggi e l’ex monopolista

Crisi dei rifiuti: Roma è salva, per ora FOTO

<
>
VIRGINIA RAGGI - Ha incontrato Manlio Cerroni e il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa
VIRGINIA RAGGI - Ha incontrato Manlio Cerroni e il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa
MANLIO CERRONI
L'ex monopolista di Roma e dintorni
MANLIO CERRONI L'ex monopolista di Roma e dintorni

Cerroni salva la Raggi. Alla fine, dopo lo sconsolato appello della sindaca Raggi per i due presunti sabotaggi subìti nei Tmb di Ama finiti in fumo, l'unica soluzione per far fronte al disastro rifiuti è arrivata dai due impianti di Manlio Cerroni, ora sotto amministrazione giudiziaria. “Alla fine i casi li risolvo io” aveva preannunciato due anni fa l'imprenditore, ora novantadueenne, nel maxiprocesso che lo vedeva imputato e poi assolto per traffico di rifiuti e associazione per delinquere.

IL PATTO DI FERRO
La E.Giovi Srl di Cerroni, detto “Il Supremo” per autodefinizione, ha cominciato a ricevere, ed è tenuta a farlo per 18 mesi, 1.250 tonnellate al giorno di pattume indifferenziato da Roma che scendono a 600 solo la domenica. L'accordo è stato siglato dall’amministratore unico di Ama Spa Massimo Bagatti e dall’amministratore giudiziario di E.Giovi Srl Luigi Palumbo e regolera i conferimenti dei rifiuti indifferenziati nei due impianti di trattamento meccanico biologico (Tmb) a Malagrotta. L'accordo scadrà il 4 ottobre 2020 e prevede due punti cruciali resi noti da Ama: la possibilità che le quantità potranno essere diminuite a fronte del possibile aumento della raccolta differenziata, in città ancora a singhiozzo. E che il corrispettivo previsto per il trattamento dei rifiuti venga calcolato sulla base della tariffa fissata dalla Regione Lazio. “A fronte dell’esigenza manifestata dall’amministratore giudiziario dei Tmb di Malagrotta” ha inoltre annunciato Ama “di effettuare lavori di urgente manutenzione straordinaria su entrambi gli impianti sono stati, altresì, disciplinati i conferimenti dei rifiuti nel corso della manutenzione. A partire da fine aprile la capacità di ricezione di rifiuti potrà diminuire, rispetto a quella contrattualmente prevista, fino ad un massimo di 200 tonnellate/giorno, mentre potrà arrivare ad un massimo di 500 tonnellate/giorno da fine maggio alle prime settimane di settembre”. L'Ama, in ogni caso, affinché siano ridotti al massimo gli impatti sulla gestione del servizio di igiene urbana, sta ponendo in essere tutte le azioni necessarie per l’individuazione di siti alternativi ove conferire i rifiuti indifferenziati per il loro trattamento.

RAGGI CHIAMA COSTA
La sindaca Raggi, intanto, per far fronte all’emergenza, ha avuto un incontro con il ministro Sergio Costa. “Ho incontrato il ministro dell’Ambiente per parlare della situazione rifiuti a Roma e degli incendi dei due impianti Tmb Salario e Rocca Cencia”, ha scritto Raggi su Twitter con l’hashtag «#SottoAttacco», martedì 2 aprile. Ma non ha spiegato le soluzioni discusse. “Io sono il creatore - ha sostenuto pubblicamente l’imprenditore, Manlio Cerroni - . In trenta giorni pulisco Roma e poi si fanno i grandi impianti”. Di ricette per salvare Roma dall'immondizia Il Supremo invece ne ha elencate a volontà. Già due anni fa ne ha lanciata qualcuna durante l'interrogatorio in un processo a suo carico trasformato in show. “Sono 71 anni che tratto rifiuti. Risolvo io il problema a Roma e alla Raggi”, aveva detto, “E vi do pure il calendario. In trenta giorni vi tiro fuori dall'emergenza. In due anni costruisco un nuovo impianto con zero emissioni nocive e che trasforma l'immondizia in metanolo. Costa cento, centoventi milioni. Investo io. Basta adeguare il gassificatore di Malagrotta”. 

VIRGINIA RAGGI EVOCA IL COMPLOTTO
Intanto continuano a registrarsi problemi agli impianti e ai mezzi di Ama. Per la sindaca, secondo un unico disegno. I primi di aprile sono stati rubati due automezzi (uno con escavatore a bordo) al cimitero di Prima Porta. E quasi 600 litri di gasolio in fusti. “Abbiamo avuto incendi nei due impianti per il trattamento dei rifiuti del Salario e di Rocca Cencia, nel deposito cassonetti Ama di Tor de Cenci e nell'isola ecologica di Acilia, più circa 600 cassonetti bruciati”, ha attaccato la Raggi, calcolando anche una decina tra furti e danneggiamenti alle sedi del servizio giardini. “Siamo sotto attacco”, la conclusione. “I cassonetti bruciati” si è allargata poi la sindaca “si trovano per la maggior parte nel X e nel VII municipio, quelli dei clan Spada e Casamonica”. Ma i clan sono stati decapitati, è più probabile che il caos rifiuti dipenda dall'immobilismo amministrativo. Che ha causato alla guida di Ama e del relativo assessorato diverse fughe. E posti ancora vacanti.

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
10:09 1582535340 Eur, coltivazione casalinga di marijuana: sequestrate centinaia dosi di hashish
10:01 1582534860 Corso Francia, tavolo tecnico tra Municipio XV e Comune
09:42 1582533720 10 arresti ed oltre 1 kg di droga: controlli in tutta la Capitale
09:26 1582532760 Abusa di alcool e psicofarmaci, aggredisce il padre e la figlia con un coltello
08:57 1582531020 "Vi ammazzo tutti", armato di mazza e coltelli contro i parenti a Trastevere
08:35 1582529700 Sicurezza della Valle Aurelia: denunce per droga, rissa e invasioni di edifici
08:17 1582528620 Metro A Manzoni, un uomo si getta tra i binari. Bloccata la linea
08:00 1582527600 Salvi i Villini Liberty, “ora il Comune dia le sue regole”
08:00 1582527600 Politiche di genere, nel III nasce una rete territoriale
06:00 1582520400 Ass. alle infrastrutture: “100 milioni per sistemare le strade della Capitale”
23/02 1582477200 Illegittima la vendita di 5mila case popolari?
23/02 1582470000 Il “Punto Salvamamme” si trasferisce a Talenti
23/02 1582459200 Riconosciuto il lavoro svolto nelle coop per i punteggi nei concorsi
23/02 1582455600 Sanità: poche assunzioni e troppe coop
23/02 1582449540 Coronavirus, stop a gite scolastiche dentro e fuori l'Italia
23/02 1582448400 Respinto al catechismo perché disabile
23/02 1582441200 Giù le mani dal Teatro della Dodicesima
23/02 1582434000 Vigna Clara, è imminente la riapertura della stazione
22/02 1582383600 Riaperta al traffico via Riserva della Torretta
22/02 1582372800 Sequestrata discarica abusiva con rifiuti pericolosi
22/02 1582369200 Giornalisti, ferma la legge anti-intimidazioni
22/02 1582368540 Arrestata sul Raccordo una banda di ladri in trasferta da Ardea alla Capitale
22/02 1582362060 Ad Ottavia il 1° centro antiviolenza per donne del XIV
22/02 1582354800 Termini-Centocelle, “ora tavolo interistituzionale”
22/02 1582347600 Vicepresidente della Comm. Ambiente: “La Lega sarà il primo partito del Lazio”

Sport
< <

annientamento di luoghi socioculturali

Giù le mani dal Teatro della Dodicesima

annientamento di luoghi socioculturali

Lo abbiamo scritto su questa pagine di quanto sia fallimentare, rinunciataria, miope la politica culturale romana, così lontana...


Inchieste
[+] Mostra altri articoli