[X]
  [X]

Disseterà Roma e l'intera provincia

Acqua del fiume Tevere nei rubinetti, impianto pronto: e le analisi? Muta l'Acea FOTO

<
>
filtri a carboni attivi? perché? chi garantisce?
Il "potabilizzatore" a Roma nord, sul Tevere contaminato da metalli pesanti, microplastiche e idrocarburi (fonte Legambiente)
filtri a carboni attivi? perché? chi garantisce? Il "potabilizzatore" a Roma nord, sul Tevere contaminato da metalli pesanti, microplastiche e idrocarburi (fonte Legambiente)
Il potabilizzatore del Tevere
Il potabilizzatore del Tevere

Ultimato il mega impianto di filtraggio per abbeverare la Capitale e altri 111 comuni laziali con  l'acqua di uno dei più contaminati fiumi d'Italia. Lo chiamano “potabilizzatore” di Grottarossa. I 32 filtri a carboni attivi sono pronti a trattare il Tevere. È il nuovo aggiornamento che Il Caffè può dare. Ma non perché chi di dovere abbia parlato: siamo tornati con il nostro drone sul sito. Cosa impedisce alle istituzioni e al gestore idrico di dire la verità sull'acqua del Tevere che presto daranno da bere a 4 milioni di persone tra Roma e provincia? Quali inconfessabili fatti ci sono dietro il progetto voluto da Acea e dal Campidoglio? A luglio scorso abbiamo lanciato la notizia. Ma le autorità tacciono: Regione Lazio, Comune di Roma e tutte le Amministrazioni comunali che sulla carta sarebbero i soci di maggioranza controllori del gestore idrico. Silenzio anche tra chi è pagato per tutelare la salute pubblica e l'ambiente. Le uniche informazioni sono quelle scovate dal giornale Il Caffè con una lunga e impegnativa ricerca. Molte le ombre nelle centinaia di pagine che abbiamo studiato. Il progetto doveva restare segreto. Ma noi lo abbiamo scoperto e reso noto. Con il nostro drone – l'unico modo oggi per sapere qualcosa – abbiamo rilevato quel che potete vedere nella nuova esclusiva foto qui a lato: i filtri verdi sono lì, si vedono i sacchi di carboni attivi  stoccati nel sito a Roma nord, in via Vitorchiano, vicino  Fidene e Castel Giubileo, a due passi dall'aeroporto dell'Urbe. L’impianto non è ancora allacciato all'acquedotto. A seguito della nostra inchiesta, il Garante del servizio idrico integrato del Lazio ha convocato un Tavolo tecnico sulla faccenda. Dice che nemmeno lo sapeva... Eppure il progetto era indicato nel suo penultimo rapporto semestrale insieme ad altre proposte di Acea per quasi 1,3 miliardi di euro in tutto, da realizzare in deroga a una marea di norme, anche ambientali e sanitarie. L'avvocato Paola Perisi, che ricopre la carica di Garante, ha chiamato a rapporto 7 istituzioni coinvolte: Acea Ato2 Spa, la STO Segreteria tecnico operativa dell'àmbito idrico (organo pubblico di presunto controllo sulla gestione idrica), la Direzione risorse idriche della Regione Lazio (Wanda D'Ercole), l'Agenzia regionale per la protezione ambientale, il Ministero dell'Ambiente, la Sindaca di Roma, l'Istituto superiore di sanità e l'Asl Roma 2. E noi del Caffè. L'incontro fissato per il 2 ottobre è praticamente saltato: mancavano Acea Ato2 e la STO. Meglio rinviare, visto che sono il gestore idrico e il suo presunto controllore pubblico a dover chiarire molte cose. Noi del giornale Il Caffè c'eravamo e abbiamo reso una consulenza gratuita al Garante sulla grande truffa idrica del Lazio e non solo, oltre che sul “potabilizzatore”. Il Garante ha preso appunti e ha convocato un secondo incontro per il 23 ottobre: assenti anche stavolta Acea e STO, Istituto superiore di sanità, Ministero dell'ambiente e la stessa Regione Lazio. Presenti invece i dottori della Asl Roma2 Stefano Marzani, responsabile del servizio acque potabili, e Rosella Moscatelli, capo del settore acquedotto cittadino. C’erano anche Arpa Lazio e il Comune di Roma con un tecnico delle infrastrutture e opere idrauliche. A tutti abbiamo consegnato una serie di domande scritte per capire se la procedura seguita è legale, se è sicuro e affidabile il processo di filtraggio del Tevere, quali analisi delle acque sono state effettuate e/o sono in programma, che risultati ci sono, come e quando ne comunicheranno gli esiti alla popolazione e ai Comuni, chi ha realizzato l’opera, chi paga. Ma anche alcuni quesiti di ordine legale: perché la STO nel verbale della Conferenza dei sindaci del 27 dicembre che ha dato il primo via libera al progetto non ha esplicitato quali Comuni hanno votato “sì” e quali “no”? Perché in quella riunione Acea Ato 2 e STO non hanno spiegato ai sindaci che per fare il “potabilizzatore” si dovevano violare norme regionali e nazionali in merito alla qualità delle acque di fiume ad uso potabile? Perché il potabilizzatore è stato dotato di filtri a carboni attivi - che per essere efficaci devono lavorare in continuo - nonostante si dica che serve solo per l’emergenza? Siamo riusciti a scucire solo che l'acqua del Tevere verrà sottoposta a preventivo «giudizio di potabilità». Così ha dichiarato la Asl con il dottor Marzani. Il carro dietro ai buoi: intanto faccio l'impianto poi si vedrà. Quando si dice razionalità, efficienza, pianificazione, tutela della salute pubblica. E poi? «La struttura industriale - dice l’Asl Rm2 - verrà sottoposta a quattro campionature (analisi, ndr) annuali, una per stagione, per garantire che i livelli di inquinanti presenti nell'acqua immessa in conduttura rispettino i limiti massimi ammessi dalla legge». Fabbriche, fogne a moltissimi abusivi scaricano quotidianamente. Chi controlla?

Francesco Buda e Daniele Castri

ULTIME NOTIZIE
Nuova notizia in arrivo...
17/12 1545056820 Serie A2, Girone Ovest. Un finale da urlo e l’Eurobasket mette la settima
17/12 1545056040 Serie C, Girone A. Il KK Eur torna a vincere, steso Labico
17/12 1545051180 È ufficiale: Aprilia salva Roma dall'emergenza rifiuti. Firmato il contratto
16/12 1544990940 Serie A2, Girone A. L'acqua & Sapone Volley Group vince ancora: steso Orvieto
16/12 1544990340 Serie D, Girone E. Eur Torrino, Ko con polemiche nel big match con la capolista
15/12 1544893380 Tenta la rapina al tabacchi, il titolare lo disarma e lo fa arrestare
15/12 1544892840 La Polstrada di Albano a caccia degli autori di una tentata rapina
15/12 1544881920 Troppo nervosismo durante i controlli dei carabinieri: aveva droga in casa
14/12 1544798400 Mense scolastiche "da film dell'orrore", il Codacons: restituiscano il soldi
14/12 1544774040 11enne fermata mentre scippava una turista: ma per la legge non è imputabile
13/12 1544708880 A 11 anni baby-borseggiatrice: da Castel Romano alla metro a "caccia" di turisti
13/12 1544706960 Motociclismo, L’Eurobasket scende in pista con il Team Prodina
13/12 1544706300 2^Divisione. KK Eur, vittoria mozzafiato al tiebreak col San Paolo
13/12 1544705340 Girone G. Virtus Divino Amore: "la classifica si aggiusterà"
12/12 1544625120 Ad Aprilia i rifiuti dell'impianto incendiato? Non risultano richieste ufficiali
12/12 1544596860 Nuovi incendi di auto al campo rom di Castel Romano
11/12 1544541360 Under 21. Vallerano Futsal, manita in casa dal TC Parioli
11/12 1544540640 Pallanuoto, Serie B. Torneo San Mauro, trionfa la Zero9
11/12 1544539800 Under 18 Silver. L'Algarve Torrino stende la Romana a domicilio
11/12 1544537700 Hockey Prato. Hockey Club Roma, l’obiettivo è tornare al Tre Fontane
10/12 1544451240 Serie C Silver, Girone A. Il Fonte Roma Basket esulta nel Derby contro Roma Eur
10/12 1544450520 Promozione, Girone D. La Virtus SR Basket ritrova la retta via
10/12 1544449860 Serie D, Girone E. L’Eur Torrino stende l’Olimpus e “vede” la vetta
10/12 1544449260 Serie A2,Girone A. Acqua & Sapone V.G., finalmente la prima vittoria
10/12 1544442780 Si intrufola nella casa in ristrutturazione per rubare la caldaia: arrestato

Sport
< <

Eventi

Inchieste
[+] Mostra altri articoli